Bollette, dal 1° luglio stop al mercato tutelato

Bollette, dal 1° luglio stop al mercato tutelato© Andreas_lr

L’era del mercato tutelato si concluderà lunedì 1° luglio 2024, quando comincerà ufficialmente l’epoca del servizio a tutele graduali (Stg), ovvero il meccanismo di transizione che dovrebbe favorire la totale liberalizzazione del mercato elettrico e che andrà a scadenza nel 2027.

Questo cambiamento, com’è stato ampiamente anticipato in questi mesi, porterà delle modifiche nelle bollette della luce dei consumatori, già tra due settimane. Il passaggio al nuovo regime riguarderà tutti i clienti non vulnerabili che, al 30 giugno, saranno ancora soggetti alla maggior tutela e non avranno scelto nel frattempo un operatore nel mercato libero.

I vulnerabili, invece, ossia gli over 75, i percettori di bonus sociale per disagio economico o fisico, i beneficiari della legge 104 sulle disabilità, oltre agli utenti di isole minori non interconnesse o di strutture abitative d’emergenza, continueranno a usufruire dello stesso servizio.

Rispetto agli attuali costi, il passaggio comporterà un risparmio annuo che il presidente dell’Arera, Stefano Besseghini, ha stimato in circa 100 euro dopo aver ricordato che le condizioni economiche del Stg prevedono due componenti di prezzo.

“Una prima tessera a copertura dei costi di approvvigionamento di energia e un’altra (il cosiddetto parametro gamma) definita sulla base delle offerte formulate dagli operatori”, ha spiegato Besseghini in un articolo del Sole 24 Ore. “Noi mettiamo mano alla prima componente, che vale 58 euro in maggior tutela e che ritoccheremo poiché il meccanismo del servizio è cambiato. Mentre non subirà particolari modifiche l’altra componente, il parametro gamma, che attualmente risulta stimabile in 73 euro”.

© Riproduzione riservata