Connettiti con noi

Lifestyle

La moda sorpassa la manifattura nei ricavi (e non solo)

Le prime 15 aziende del fashion italiano fanno meglio dei big dell’industria manifatturiera per fatturato, liquidità, redditività e crescita. Di Giorgio Armani i risultati migliori

Il business del momento? È la moda. A stabilirlo è l’ultimo Focus Moda realizzato da R&S MedioBanca: nel periodo 2010-2014 e nei primi nove mesi del 2015, i risultati conseguiti dai 15 Top Brand del fashion italiano sono di gran lunga superiori a quelli raggiunti dai maggiori gruppi manifatturieri nazionali, quotati in Borsa. Lo scarto è tale che tra i due comparti non sembra esserci partita: «Le aziende della moda battono il resto della manifattura quattro a zero: per crescita, redditività, liquidità e solidità», conferma l’analista di R&S MedioBanca Nadia Portioli, usando una metafora calcistica.

Più nel dettaglio, per quanto riguarda il fatturato nel 2014 i marchi top della moda italiana hanno messo a segno una crescita del +5,6%, mentre i big industriali sono arretrati dello 0,8%. Analogo l’andamento per i primi nove mesi del 2015, dove il mondo della moda segna un +11,8%. A incidere, tuttavia, è anche l’apprezzamento di diverse valute rispetto all’euro, tra cui il dollaro e lo yen.

INDUSTRIE SOLIDE E LIQUIDE. Il report sottolinea inoltre come le prime 15 realtà di moda italiane siano «solide e liquide». Basti pensare che, se nel 2010 i debiti finanziari rappresentavano il 35,3% del patrimonio netto, nel 2014 la percentuale è scesa al 23,4%. Tradotto: il capitale netto è quattro volte superiore al debito. In assoluto il gruppo più solido è Giorgio Armani dove l’incidenza dei debiti finanziari sul capitale netto si ferma al 1,9%. Seguono Max Mara (2%) e Tod’s (4,4%) poi, più a distanza, Otb (11,9%), D&G (12,2%), Benetton spa (12,3%), Geox (15,1%), Prada (17,3%), Valentino (18,7%).

Per quanto riguarda la liquidità, nel 2015 la somma raccolta dalle Top15 ammonta a 6 miliardi di euro: nel 2010 era pari a 3,7 miliardi. L’incremento maturato nel giro di cinque anni è dunque pari + 60,2%. Anche in questo caso a distinguersi è Giorgio Armani: la sua liquidità, pari a 561 milioni, è seconda solo a quella di Max Mara, che in cassa sfiora il miliardo di euro nel 2015.

Credits Images:

L'ultima sfilata parigina di Giorgio Armani © Getty Images