Connettiti con noi

Lifestyle

Quando gli Oscar passano da Venezia

Da “Gravity” a “Birdman”, da “Il caso Spotlight” a “La La Land”, fino a “La forma dell’acqua”

Da alcuni anni gli Oscar passano da Venezia. Merito del direttore della Mostra, Alberto Barbera, e della sua squadra, che hanno dimostrato di saper scegliere quei film che poi si rivelano protagonisti agli Academy Awards. Giova a Venezia anche la collocazione tra agosto e inizio settembre, quando inizia la campagna mediatica per le nomination. Negli ultimi cinque anni, infatti, il festival ha selezionato film che si sono distinti agli Oscar con prestigiosi premi. Primo tra tutti Gravity di Alfonso Cuaron, film d’apertura fuori concorso al Festival di Venezia 2013, che si è aggiudicato sette premi Oscar (tra cui miglior regia). L’anno successivo è stato il turno di Birdman di Alejandro Inarritu, film d’apertura in concorso alla Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica, che ha ricevuto quattro Academy Awards (tra cui miglior film e miglior regia). Nel 2015 Venezia ha proposto fuori concorso Il caso Spotlight di Thomas McCarthy, che agli Oscar è stato premiato con due statuette per miglior film e miglior sceneggiatura originale. Nel 2016 il Festival di Venezia ha premiato La La Land (film d’apertura in concorso) con la Coppa Volpi per la migliore interpretazione femminile a Emma Stone. Un titolo protagonista agli Oscar con sei statuette, tra cui miglior regia e miglior attrice protagonista. Mentre l’anno scorso la Mostra ha premiato con il Leone d’oro proprio La forma dell’acqua di Guillermo del Toro, che agli Oscar 2018 ha trionfato come miglior film, miglior regia, miglior scenografia e miglior colonna sonora. Va, poi, ricordato che negli ultimi cinque anni sono stati selezionati a Venezia anche altri titoli che si sono distinti agli Oscar, ricevendo nomination o premi come Jackie, Arrival, Animali notturni, The Danish Girl e La battaglia di Hacksaw Ridge.

Credits Images:

© Andrew H. Walker/Getty Images