Connettiti con noi

Lifestyle

Auto d’epoca, regine d’eleganza

A Villa d’Este il concorso di eleganza tra le auto più belle del mondo; la Coppa d’Oro a un’Alfa Romeo 6C 1750 Gs del 1933, trai i premiati anche Lamborghini, Ferrari, Ford, Rolls-Royce e Porsche

architecture-alternativo

Vetture senza tempo, costruite nel secolo scorso ma capaci di far sognare come il più avveniristico dei concept car; sono le auto d’epoca del Concorso di Eleganza di Villa d’Este, la prestigiosa manifestazione che da anni incorona le migliori vetture storiche del mondo. Ad aggiudicarsi la Coppa d’Oro dell’edizione 2012 un’Alfa Romeo 6C 1750 GS, un coupé particolarmente raro di proprietà del canadese David Cohen: realizzata dal carrozziere Figoni, l’auto è stata presentata per la prima volta a Parigi nel 1933, si aggiudicò diversi concorsi d’eleganza e nel 1935, con una carrozzeria leggera, vinse la 24 ore di Le Mans nella sua categoria. Istituito per la prima volta nel 1929, il concorso celebra le automobili più belle e importanti, accomunate da un design eccelso, dall’originalità e dal perfetto stato di conservazione. Oltre ad Alfa Romeo, la giuria di quest’anno ha assegnato altri otto premi ad altrettanti marchi di portata internazionale. Eccoli nel dettaglio.

Auto d’epoca: sognare si può e conviene

Concorso di Eleganza di Villa d’Este – Photogallery

L’auto meglio conservata del periodo prebellicoAvions Voisin C 25, Berline Aerodyne (1935), René Rey

L’auto più iconica Mercedes-Benz 300 SL Coupé Gullwing (1956), Lionel Scotto le Massese

L’auto meglio conservata del periodo postbellicoPorsche coupé 917/K (1969), Mark Finburgh

L’auto con il miglior design internoFerrari 250 Europa Coupé Vignale (1954), Heinrich Kämpfer

L’auto meglio restaurata Ford coupé GT 40 Mk3 (1968), Gary W. Bartlett

L’auto dal miglior designLamborghini LP 400 Countach, Coupé Bertone (1975) Paul van Doorne

La Rolls-Royce più eleganteSilver Ghost Picadilly Roadster (1922), Caesar Peier

L’auto arrivata da più lontanoTatra 87, Sedan Aerodynamic, Ringhoffer, Tatra Werke (1939), Karol Pavlu

Scarica le App