Gaggenau tra scrittura, arte e materia

Gaggenau-ScriptaIl caso Gaggenau: scrittura, arte, materia (foto © Francesca Piovesan)© Francesca Piovesan

Questo articolo è parte di

Arte: investimento e strumento di marketing per le imprese


Da tempo Gaggenau, brand di elettrodomestici di pregio, è impegnato nel sostegno all’arte contemporanea attraverso cicli di mostre e progetti speciali in scena presso gli showroom Gaggenau DesignElementi di Milano e Roma.

Per il 2023, in collaborazione con Cranum, ha lanciato il progetto artistico Scripta?: un ciclo di quattro mostre, a cura di Sabino Maria Frassà, per indagare il legame tra scrittura, arte e materia.

Dalle opere tattili e inclusive di Fulvio Morella, arricchite da segni in braille, fino all’uso contrastato delle immagini in relazione al testo scritto dell’artista malese H.H. Lim, passando per le riflessioni sul gesto della scrittura negli ultimi lavori a inchiostro di Marta Abbott (dal 2 ottobre presso lo showroom di Roma) e i Calendari di Letizia Cariello, che con il suo filo scrive e cuce insieme oggetti, materie e spazi.

© Riproduzione riservata