100 km a 40 centesimi

Yamaha e Peugeot si sfidano con le due più recenti novità elettriche per migliorarci la vita: basta traffico, basta portafogli vuoti alla pompa della benzina e, soprattutto, basta CO2

Yamaha e Peugeot si sfidano per migliorarci la vita: basta traffico, basta portafogli vuoti alla pompa della benzina e, soprattutto, basta CO2. Sono loro, infatti, le due più recenti novità elettriche per la mobilità urbana. Due scooter piccoli piccoli spinti da ipertecnologici motori elettrici per andare in ufficio silenziosi e stilosi più di chiunque altro.Lo stile è certo una delle armi dell’EC-03 Yamaha che verrà importato in Italia in mille esemplari. Il costo è di 2.390 euro che però con gli incentivi regionali può scendere sino a 1.600 come nel caso della Lombardia. Ricorda un po’ il mitico Ciao e trasmette da subito essenzialità e dinamicità. È estremamente leggero e facile da guidare anche grazie alle ruotine da 12” e al raggio di sterzo di soli due metri. Ci si diverte in sella all’EC-03 sgattaiolando tra le auto incolonnate dove anche gli altri scooter non passano. La formula Peugeot è invece un po’ diversa. L’e-Vivacity è, infatti, uno scooter vero e proprio e il costo vicino ai 4.000 euro lo conferma. Piccolo e maneggevole anche lui ma dà una sensazione diversa di solidità.La capacità di carico è notevole (35 litri) e lo scudo anteriore può contenere un casco jet e la pedana piatta consente di posizionare una borsa tra le gambe.Per entrambi di coppia ce n’è in abbondanza: Peugeot 14,4 Nm e Yamaha 9,6 Nm contro i 3 circa di un cinquantino standard. La velocità massima è da codice della strada: 45 km/h. Per ricaricarli basta una presa e, dopo qualche ora di attesa (circa cinque per la ricarica completa), si possono percorrere una quarantina di km al costo di 15 centesimi. Avete letto bene, 15 centesimi di euro.

© Riproduzione riservata