Connettiti con noi

Lavoro

Via al Consiglio dei ministri che riforma il lavoro, anche l’articolo 18

La norma sui licenziamenti non viene abolita, ma “distinguiamo le fattispecie” spiega il ministro Elsa Fornero alla vigilia del vertice di Palazzo Chigi

E’ in programma per la mattinata di venerdì 23 marzo il Consiglio dei ministri che approverà “salvo intese” la riforma del mercato del lavoro. Si tratta della formula che – spiegano fonti di palazzo Chigi – si usa quando un testo non è ancora definitivo; non sarà necessario un nuovo vertice a Palazzo Chigi per l’adozione della riforma. Nella serata di giovedì il ministro del Lavoro Elsa Fornero è intervenuta in conferenza stampa per rendere conto dell’ultima riunione tra governo e Parti Sociali “per la definitiva messa a punto del documento inerente la riforma”. Il ministro ha sottolineato come l’esecutivo non fara “nessuna marcia indietro” sull’articolo 18, nessun cedimento a “pressioni”. Nel corso del suo intervento davanti alla platea di giornalisti Fornero ha precisato che la norma sui licenziamenti contenuta all’interno dello Statuto dei lavoratori non viene abolita, ma “distinguiamo le fattispecie”: nei casi di licenziamento per motivi economici, se giudicati illegittimi, ci sarà solo l’indennizzo; nei casi di licenziamento disciplinare, invece, si affida al giudice il potere di decidere tra reintegro e indennizzo (che in entrambi i casi va da un minimo di 15 ad un massimo di 27 mensilità dell’ultima retribuzione). L’impegno, però, come sottolineato dallo stesso presidente del Consiglio, Mario Monti, è di riformulare la norma in modo che si evitino “abusi” su presunti motivi economici e, quindi, discriminazioni. Questo non significa che alle imprese “stiamo dando la licenza di licenziare”, precisa il ministor del Lavoro, “ci deve essere una chiara, chiarissima presa di responsabilità”. Sul pubblico impiego aggiunge: “Non era nel mio mandato e potere intervenire, questo non vuol dire che non interverremo. Se ne occuperà il ministro Patroni Griffi”.

Video: la conferenza stampa del ministro Elsa Fornero

Video: la conferenza stampa Ugl

Credits Images:

Elsa Fornero (s) e Mario Monti