Il machine learning di Amazon trova casa a Torino

Entro fine anno l’apertura di un centro di sviluppo per la multinazionale dell’e-commerce. Dieci le posizioni aperte, a breve la selezione del personale

Un nuovo centro di sviluppo a Torino per mettere a punto le capacità di Intelligenza Artificiale e apprendimento automatico dell’assistente vocale Alexa. È quanto annunciato da Amazon, che entro fine 2016 inaugurerà la sede dedicata al progresso del riconoscimento vocale e della comprensione del linguaggio naturale. Sedi simili sono già state inaugurate dal gruppo di Jeff Bezos a Seattle, Boston e Palo Alto (Stati Uniti), Aquisgrana, Berlino, Edimburgo e Cambridge (Europa) e Bangalore (India). Torino, si precisa in una nota, è stata scelta per la quantità di talenti a cui poter attingere e per la presenza delle università in città.

Il Machine Learning è una branca dell’informatica e si basa su algoritmi che consentono ai sistemi di effettuare analisi predittive a partire da ampie raccolte di dati, senza che questi sistemi vengano appositamente programmati. Alexa usa l’apprendimento automatico in campi come il rilevamento delle parole di attivazione, il riconoscimento vocale basato sul cloud e la comprensione del linguaggio naturale.

Le assunzioni per il centro di sviluppo di Torino inizieranno a breve e i candidati interessati potranno visitare il sito Amazon jobs per avere maggiori informazioni (www.amazon.jobs/it). Per iniziare, saranno 10 le posizioni aperte per i ricercatori dedicati al riconoscimento vocale e alla comprensione del linguaggio naturale.

L’annuncio via Twitter del Ceo e fondatore di Amazon, Jeff Bezos

© Riproduzione riservata