Samsung: le reti da pesca in disuso “rivivono” nei nuovi Galaxy

L’azienda utilizzerà le plastiche riciclate dall’Oceano per tutta la propria linea di prodotti, a partire dai nuovi dispositivi che saranno annunciate il 9 febbraio

Non solo bottigliette e sacchetti di plastica. Ogni anno ad affollare l’oceano di materiali nocivi per l’ambiente ci sono anche le migliaia di tonnellate di reti da pesca (640 mila tonnellate, secondo la Fao) che vengono gettate via ogni anno. Numeri enormi, che Samsung punta a ridurre.

Come? Attraverso una nuova iniziativa, parte del progetto Galaxy for the Planet, che mira a ridurre al minimo l’impatto ambientale e alla promozione di stili di vita più sostenibili. A partire dai nuovi Galaxy che verranno presentati in occasione dell’evento Unpacked del 9 febbraio, per la produzione di tutti i dispositivi Samsung verranno utilizzate in parte anche le plastiche riciclate dall’oceano. “Questi dispositivi”, si precisa in una nota del gruppo, “rifletteranno il nostro sforzo continuo per eliminare la plastica monouso ed estendere l’uso di altri materiali eco-consapevoli, come il materiale riciclato post-consumo (PCM) e la carta riciclata”.

© Riproduzione riservata