White Lab acquisisce C.T.R.: verso un fatturato di 50 milioni

In poco più di un anno la società di White Bridge Investments ha acquisito nove società con oltre 300 dipendenti

Giovanni-Giusto-White-Lab

Continua il consolidamento nel mercato dei laboratori di analisi, il cosiddetto Tic, acronimo di Testin, Inspection and Certification. White Lab, società nata poco più di un anno fa e controllata dalla holding milanese di investimenti in private equity White Bridge Investments, ha annunciato l’acquisizione di C.T.R., laboratorio di Limena (Pd) certificato presso il Ministero delle Infrastrutture e Trasporti per prove di laboratorio e in sito per l’ingegneria civile, qualificato dal Ministero della Salute per la ricerca di Amianto e Fibre Vetrose, con una forte esperienza nelle prove meccaniche e metallurgiche su acciai e leghe.

In poco più di un anno White Lab ha acquisito nove società con oltre 300 dipendenti e prevedendo, per l’ultima parte del 2023, di arrivare a un fatturato aggregato di oltre 50 milioni di euro e 15 sedi operative, con una capillare presenza sul territorio nazionale.

“Con questa operazione completiamo il portfolio di test nei settori ambientale industriale e dell’ingegneria”, ha dichiarato il Ceo di White Lab, Giovanni Giusto.  “L’azienda punta all’eccellenza e l’ingresso di C.T.R. è un passo decisivo verso il nostro obiettivo di rendere ordinario lo straordinario e completare la costruzione del primo gruppo di testing nazionale”.

© Riproduzione riservata