Rai: meno ricavi dal canone, cresce l’Adv

I ricavi pubblicitari crescono complessivamente di oltre 22 milioni di euro nonostante l’assenza di grandi eventi sportivi e la penalizzazione derivante dall’ulteriore stretta sugli affollamenti pubblicitari

Marinella-Soldi-Rai

Il Consiglio di Amministrazione della Rai ha esaminato e approvato il progetto di bilancio al 31 dicembre 2023 illustrato dall’amministratore delegato Roberto Sergio. Il risultato netto consolidato è in pareggio, mentre l’indebitamento netto, pari a 568 milioni di euro, è in miglioramento rispetto al 2022 «e comunque attestato su livelli di sostenibilità». I ricavi pubblicitari crescono complessivamente di oltre 22 milioni di euro nonostante l’assenza dei Grandi Eventi Sportivi e la penalizzazione derivante dall’ulteriore stretta sugli affollamenti pubblicitari. Crescono in particolare i ricavi da web (+31,6%), grazie a RaiPlay. Rai evidenzia una diminuzione degli introiti da canoni ordinari, «determinata per lo più dal sensibile incremento della morosità sulle bollette elettriche correlata alla complessità del contesto socioeconomico».

Nel corso della stessa seduta del Consiglio è stato approvato all’unanimità il Bilancio di Sostenibilità 2023, mentre dal 2024 il rapporto darà conto delle iniziative previste dal Piano di Sostenibilità 2024-2026 recentemente approvato. Il cda ha inoltre preso atto dei palinsesti estivi 2024: «Il filo conduttore sarà lo sport che accenderà Rai 1 e Rai 2 trasmettendo, tra l’altro, gli Europei di calcio, le Olimpiadi e Paralimpiadi, oltre al Tour de France».

© Riproduzione riservata