Connettiti con noi

Business

Segreto bancario addio: più trasparenza tra Paesi Ue

Dal 2017, 28 Stati membri potranno scambiarsi anche dati su interessi, dividendi, individui, fondi, entità e altri redditi finanziari

Inviolabilità del segreto bancario, addio. Il Consiglio dei ministri economici Ue ha approvato la norma comunitaria Administrative Cooperation Directive che consente all’Unione di adeguarsi agli standard Ocse in materia di trasparenza fiscale. Tradotto: grazie a questa disposizione, il campo di applicazione dello scambio automatico di informazioni tra amministrazioni fiscali verrà esteso includendo anche interessi, dividendi, individui, fondi, entità e altri redditi finanziari quali per esempio i profitti da vendita di asset finanziari. “L’accordo di oggi è un forte contributo della Ue alla ‘governance’ globale”, ha commentato lo scorso 14 ottobre il ministro dell’economia, Pier Carlo Padoan, in qualità di presidente di turno dell’Ecofin.

I TEMPI DI APPROVAZIONE. Per diventare operativo, l’accordo dovrà prima essere definitivamente approvato dal Consiglio Ecofin di fine anno. Dopodiché diventerà operativo dal 2017 vincolando tutti i 28 Paesi dell’Ecofin, a eccezione dell’Austria che ha chiesto un anno in più per adeguarsi.

Credits Images:

I membri dell'Ecofin rinuniti in Lussemburgo © Getty Images