Connettiti con noi

Finanza

Saras, finisce l’era Moratti. Acquisizione miliardaria per Vitol

Il presidente e a.d. Massimo Moratti annuncia l’accordo per la cessione dell’azienda fondata dal padre. Ai membri della famiglia 595 milioni di euro

architecture-alternativo Credits: Photo by Vincenzo Lombardo/Getty Images)

Si chiude dopo oltre 60 anni di storia l’era Moratti in Saras. La famiglia imprenditoriale italiana, infatti, ha deciso di cedere la sua partecipazione nella terza realtà italiana del settore petrolifero, una delle maggiori attività industriali del Paese, al gruppo svizzero-olandese Vitol.

Cessione Saras: alla famiglia Moratti circa 600 milioni di euro

In base all’intesa raggiunta, la famiglia Moratti venderà circa il 35% delle quote di Saras a un prezzo di 1,75 euro per azione. C’è inoltre l’impegno a vendere le eventuali azioni di Saras che Angel Capital Management, una delle società dei Moratti, potrebbe ricevere sulla base dell’esistente contratto derivato di funded collar, avente a oggetto circa il 5% del capitale azionario della società.

Complessivamente i Moratti incasseranno circa 595 milioni di euro per la loro quota di maggioranza relativa.

Dopo 62 anni dalla sua fondazione avvenuta a opera di mio padre”, ha dichiarato il presidente e a.d. Angelo Moratti, “con i miei nipoti Angelo e Gabriele e i miei figli Angelomario e Giovanni, ho ritenuto che la miglior garanzia per il futuro successo della raffineria di Sarroch fosse l’aggregazione con un primario operatore industriale del settore energetico globale, quale è Vitol, dotato di risorse relazionali, finanziarie e manageriali necessarie per competere nell’attuale contesto di mercato internazionale”.

Il completamento dell’operazione è subordinato esclusivamente all’ottenimento delle autorizzazioni regolamentari necessarie, previste dalla normativa golden power italiana e dall’Unione Europea in materia di sovvenzioni estere e di concorrenza.

“Ritengo che, questa operazione sarà positiva per tutti gli azionisti, per le maestranze, per i clienti e tutti gli altri stakeholder, che ringrazio per la fiducia che ci hanno sempre accordato”, ha concluso Angelo Moratti. “Oggi Saras è una società solida e profittevole, leader nell’intero bacino del Mediterraneo, e auguriamo a Vitol di poter espandere i successi fino ad ora conseguiti”.

Per Vitol un’operazione da 1,7 miliardi di euro

L’operazione determinerà un obbligo di promuovere un’Opa (offerta pubblica di acquisto) obbligatorio sul capitale azionario di Saras, che sarà promossa da Vitol allo stesso prezzo per azione, ovvero al prezzo rettificato in caso di distribuzione di un dividendo prima del completamento dell’Operazione. L’obiettivo dell’Opa è ottenere la revoca delle azioni ordinarie di Saras dalla quotazione e dalle negoziazioni su Euronext Milan, che potrà essere conseguita anche attraverso una fusione in presenza delle relative condizioni. Il prezzo di 1,75 euro per azione implica una capitalizzazione di Saras di circa 1,7 miliardi di euro.