Jimmy Choo, in Borsa coi tacchi a spillo

Il marchio di scarpe di lusso pronto allo sbarco a Londra. Si attende un Ipo da 900 milioni di euro per il 25% delle quote

Sembra quasi di vederla Sarah Jessica Parker che entra nel palazzo della Borsa di Londra sulle sue splendide Jimmy Choo tacco 12.

Non è una puntata di Sex & The City, ma il piano per l’Ipo del marchio delle calzature di lusso. La controllante Jab Holdings ha annunciato per il mese prossimo l’operazione che punta a raccogliere almeno 900 milioni di euro con la cessione dei 25% delle quote.

Il brand punta a migliorare la propria visibilità – nonostante le tensioni in Medio Oriente che frenano lo sviluppo nell’area – e far crescere le proprie attività con l’apertura di nuovi negozi in Asia e altrove.

Fondata negli anni Novanta dal malese Jimmy Choo, la società è passata nelle mani di vari fondi di private equity prima di essere acquistata per oltre 500 milioni di sterline nel 2011 da Jab.

Il gruppo vanta 120 negozi a gestione diretta e intende aprirne 10-15 all’anno fino al 2016, di cui cinque in Cina.

© Riproduzione riservata