Connettiti con noi

Business

Il calcio mondiale non conosce crisi, per la Fifa tesoretto da 1 miliardo

Dal Congresso nelle Mauritius annunciato il bilancio 2012, che si chiude con un attivo di 89 milioni di dollari. Le riserve della federazione possono coprire i costi della cancellazione di un Mondiale

Crisi per il mondo del calcio? Forse solo in Italia. A livello mondiale il mercato che ruota attorno al pallone va a gonfie vele. Lo dimostrano i conti della Fifa, la Federazione internazionale che governa lo sport del calcio e che ha presentato conti da far invidia alle più grandi multinazionale del mondo: bilancio 2012 in attivo per 89 milioni di dollari e un tesoretto superiore al miliardo. “Nonostante la crisi economica mondiale, l’evoluzione delle entrate è andata come sperato”, ha sottolineato l’argentino Julio Grondona, vicepresidente della Fifa e capo del comitato finanze, in occasione del Congresso Fifa alle Mauritius.La Fifa, in particolare, ha chiuso l’anno fiscale con 1.166 milioni di entrate e 1.077 di spese (di cui il 69% investito direttamente nel calcio). Colpiscono soprattutto le riserve di denaro, arrivate quest’anno alla cifra record di 1.378 milioni di dollari, denaro che può servire per fare fronte a gravi imprevisti, come potrebbe essere la cancellazione di un Mondiale.