Connettiti con noi

Business

Dalla Germania via libera al Fondo salva Stati (Esm)

La Corte tedesca pone un solo vincolo, ma spiana la strada all’arma varata dalla Banca centrale europea per risolvere la crisi del debito europea. La Bce potrà così acquistare liberamente e illimitatamente Bond con scadenza da 1 a tre anni dei Paesi in difficoltà

I mercati europei tirano un sospiro di sollievo. La Corte suprema tedesca ha infatti respinto le richieste di bloccare il Meccanismo europeo di stabilità (Esm), ovvero il Fondo salva Stati, spianando così la strada al programma annunciato la scorsa settimana dal presidente della Bce, Mario Draghi. La Germania, infatti, ha dato il via libera alla possibilità che la Banca centrale europea possa acquistare sul senza limiti Bond (titoli di Stato) con scadenza da 1 a 3 anni, dei Paesi che ne faranno richiesta; un’arma importante per contribuire a risolvere la crisi del debito europea e calmare l’ascesa dello spread. La notizia, infatti, ha subito avuto un effetto sul differenziale Btp italiani-Bund tedeschi, sceso ora a 3.41 punti (o 341 punti). Il piano anti spread di Draghi

L’unico vincolo posto dai giudici costituzionali tedeschi è che la Germania, già maggior contributore dell’Esm, non dovrà superare il tetto di 190 miliardi senza il parere positivo del Parlamento. Una clausola ben più accettabile dell’ipotesi che ogni singolo utilizzo del Fondo salva Stati dovesse ricevere il via libera del Parlamento.

Credits Images:

Un trader della Borsa di Francoforte accoglie con un sorriso la decisione della Corte suprema tedesca. La decisione, come si evidenzia dagli schermi di fronte all'operatrice di Borsa, era attesa dai mercati finanziari. Oggi è stato eliminato un grosso ostacolo per risolvere la crisi del debito dell'Eurozona