Effetto-Draghi sulle Borse. Volano i bancari

Le promesse della Bce cancellano la delusione per la recessione in Giappone. Rialzi di oltre tre punti per i titoli del mercato finanziario

Le parole di Mario Draghi al Parlamento europeo raddrizzano una giornata a lungo difficile sulle piazze europee dopo la recessione giapponese.

Il Ftse Mib chiude a +1,33%, l’All Share a +1,24%. Sprint per i bancari, mentre lo spread tra Btp e Bund decennali scende sotto quota 150 punti.

Rialzi di oltre tre punti percentuali per Ubi, Bper, Mps, Unicredit e Banco Popolare. Protagonista anche Wdf (+5,1%) in una lunga accelerazione cominciata con la nomina del nuovo a.d.

In controtendenza le prestazioni di Autogrill (-2,5%), Enel Green Power (-1,5%) e Finmeccanica (-0,8%).

© Riproduzione riservata