Triumph Motorcycles: record di immatricolazioni in Italia

Il brand britannico ha diffuso i risultati dell’anno fiscale 2022: oltre 6 mila le nuove moto immesse sulle strade del nostro Paese. Un risultato frutto anche dell’aumento degli showroom e dell’e-commerce

Triumph Motorcycles supera per la prima volta nel nostro Paese la soglia delle 6 mila unità immatricolate (6.088 per l’esattezza) nel corso di un singolo anno fiscale, che il brand inglese identifica con i 12 mesi che vanno dal 1° luglio al 30 giugno dell’anno di calendario successivo: il precedente record, risalente al 2008, era stato di 5.749 moto immatricolate.

Parallelamente, anche la quota di mercato all’interno del comparto di riferimento, le moto con cilindrata superiore ai 500 cc, segna il migliore risultato di sempre in in Italia con un 8,4% che colloca Triumph Motorcycles in quarta posizione nel ranking nazionale.

Con una consistente crescita rispetto all’anno fiscale precedente (+28%), quando le moto immatricolate erano state 4.766, Triumph è l’unico dei primi cinque brand del mercato a mostrare un andamento positivo e in contro-tendenza rispetto al mercato di riferimento, che consuntiva nello stesso periodo una leggera contrazione dello 0,2%.

Triumph Motorcycles: le chiavi per i buoni risultati in Italia

Alla base di questi risultati c’è una strategia che ha puntato sia sull’ampliamento della rete di vendita fisica che digitale. Lanciata nel giugno 2020, la piattaforma di vendita online Triumph First, ha registrato negli ultimi 12 mesi risultati davvero significativi: il 9% dei contratti su moto nuove è stato siglato tramite la piattaforma online. Questa rete integrata di showroom digitali è parallela e complementare a quella fisica sul territorio: offre chat e videochat, immagini e dati delle moto a stock nuove o usate, online booking, firma digitale certificata del contratto e video identificazione dei documenti. Parallelamente, Triumph Motorcycles ha investito in modo importante sull’ampliamento, rinnovamento e aggiornamento della rete fisica delle Concessionarie in Italia, che nel corso degli ultimi 24 mesi è passata da 38 punti vendita agli attuali 48, grazie all’apertura di 17 nuovi showroom (a presidio di nuove aree geografiche, oppure in sostituzione di partner precedenti), ovvero il 35% della rete.

© Riproduzione riservata