Connettiti con noi

Business

Tasse, Irlanda e Spagna tornano a marciare

Dublino segna +6,4% nelle entrate fiscali, gli iberici a +3,8% come il Portogallo. Altro che Francia e Italia…

La ripresa si vede anche dalle tasse. E proprio le entrate tributarie premiano gli ex grandi malati d’Europa, pilotati dall’Ue attraverso recessione e austerità fino alla risalita.

Sorride l’Irlanda che nei primi sette mesi dell’anno ha segnato +6,4% di entrate fiscali. Poi i Paesi della penisola iberica – Spagna e Portogallo – a +3,8%. Meglio anche di potenze come il Regno Unito (+3%) e Germania (+2,8%).

Dati che fanno impallidire ovviamente l’Italia, stabile ma ufficialmente a –0,6% con l’acconto Ires che manca, e la Franca a -2,6% in crollo.

Nello specifico, il dato dell’Iva è interessante in tema consumi: qui a comandare è Madrid +10%, mentre Dublino è “solo” a +7,2%. Terzo il Regno Unito (+6) davanti al Portogallo (+5,5). Staccate la Germania (+3,6%) e ancora la Francia (+3,4%).

Credits Images:

© Getty Images