Connettiti con noi

Business

Consumatori digitali: italiani “bocciati”, conoscono poco i loro diritti

Solo l’1% dei cittadini ha consapevolezza dei tempi per comunicare alla banca pagamenti non autorizzati o inesatti, mentre il 4% quelli per richiedere un rimborso in caso di acquisto difettoso

I consumatori digitali conoscono poco i propri diritti. È questo il dato che emerge da un’indagine condotta da YouTrend per conto di C4DiP. Se, infatti, da un lato l’ecommerce cresce del 16% nel 2018 e l’utilizzo della moneta elettronica negli ultimi anni ha visto un’accelerazione considerevole (i pagamenti con carta in Italia sono cresciuti di oltre il 10%), è ancora lunga la strada da percorrere per aiutare i cittadini ad avere maggiore consapevolezza riguardo ai pagamenti digitali, sia in merito ai vantaggi e alle possibilità che offrono sia in termini di tutele e garanzie per i consumatori. Ne è la prova il fatto che soltanto l’1% dei cittadini sa di avere 13 mesi di tempo per comunicare alla propria banca un pagamento inesatto o non autorizzato, nonostante più del 60% degli intervistati sappia, ad esempio, di avere il diritto a pagare con carta anche importi molto bassi e circa il 40% sia a conoscenza della possibilità di venire rimborsato in caso di utilizzo fraudolento della propria carta.

Pagamenti digitali in crescita, ma la sicurezza…

Secondo i risultati emersi dal sondaggio, circa il 15% degli intervistati utilizza quasi tutti i giorni carte o applicazioni digitali di pagamento, mentre coloro che li usano almeno una volta a settimana sono il 30%. Dal punto di vista della sicurezza, ci sono ancora molti passi in avanti da fare: solo il 42% del campione ha salvato sul proprio cellulare il numero per denunciare il furto o lo smarrimento della carta di pagamento e solo il 40% degli intervistati è cosciente del fatto che sarà rimborsato completamente delle spese effettuate dopo la denuncia.

Acquisti online: italiani bocciati

Parlando di acquisti online, invece, la conoscenza dei cittadini è molto limitata: solo il 22% sa di avere 14 giorni di tempo per cambiare idea sull’acquisto effettuato, mentre circa il 33% è consapevole di avere diritto a rimborso e annullamento dell’acquisto in caso di ritardo sulla consegna a partire da un mese dopo l’avvenuto pagamento. Solo il 4% del campione sa di poter richiedere un rimborso entro due mesi se il prodotto comprato non è conforme alle caratteristiche dichiarate o è difettoso. In tema di pagamenti all’estero con valute diverse dall’euro, il 28% è consapevole della maggior convenienza di un pagamento con carta anziché di un prelievo da sportello locale.

Credits Images:

© StockSnap on Pixabay