Connettiti con noi

Business

Coronavirus: sostegno per Partite Iva, famiglie e imprese

Attese le misure per far fronte alle disposizioni del nuovo decreto che estende a tutta Italia la zona rossa. Per combattere l’emergenza Covid-19, servirà anche andare incontro alle esigenze di aziende e cittadini

Moratoria per i prestiti, ampliamento della cassa integrazione e aiuti agli autonomi. Sono questi, in breve, le principali leve con cui il governo punterà a sostenere l’economia italiana nelle settimane in cui bisognerà rispettare le nuove disposizioni che impongono diverse restrizioni per combattere l’emergenza coronavirus. Arriveranno verosimilmente nella giornata di mercoledì/giovedì, dopo il voto del Parlamento che dovrà dare il via libera per il finanziamento in deficit. L’Europa avrebbe dato già il via libera: ha lodato gli sforzi del governo e del popolo italiano, “che stanno contribuendo in modo considerevole a contenere la diffusione del Covid-19 nell’Unione Europea” e ha sottolineato come le spese una tantum per far fronte all’epidemia saranno “escluse per definizione dal calcolo del bilancio strutturale e non verranno prese in considerazione nella valutazione dell’adeguatezza dello sforzo di bilancio previsto in base alle regole attuali”.

Emergenza Coronavirus: moratoria prestiti, aiuti e imprese e autonomi

Tra le misure previste si lavora a un’ampia moratoria sui prestiti che, come riportato dal quotidiano Repubblica, potrebbe tradursi in un rafforzamento del Fondo di Garanzia per le pmi e in uno stop alle rate dei mutui prima casa per 18 mesi per le famiglie.

Previste anche forme di congedo straordinario alle famiglie che devono gestire i figli a casa da scuola e maggiori risorse per gli ammortizzatori sociali e la copertura di tutte le imprese che non possono ricorrere alla Cassa integrazione con la Cig in deroga. L’attenzione va anche ai numerosi lavoratori autonomi e partite Iva, ai quali potrebbe essere estesa la sospensione di tasse e contributi, ma si pensa anche a un’indennità di 500 euro al mese per un massimo di tre mesi.

Credits Images:

Getty Images