Connettiti con noi

Business

Bollette: da aprile in calo quelle di luce e gas

La discesa delle quotazioni sui mercati all’ingrosso ci permetterà di risparmiare 105,5 euro all’anno. Rimangono però alti gli oneri di sistema e le tasse

Buone notizie per i consumatori italiani. Nel secondo trimestre 2018, infatti, due delle bollette che più incidono sul budget famigliare saranno un po’ meno care. Lo rivela l’Autorità dell’Energia, secondo cui, dall’1 aprile, per la famiglia-tipo il costo dell’elettricità diminuirà dell’8% e quello del gas del -5,7%. Tutto merito del calo delle quotazioni sui mercati all’ingrosso. Secondo l’Unione Nazionale Consumatori questo si tradurrà in un risparmio su base annua (all’1 aprile 2018 all’1 aprile 2019), di 44,5 euro per la luce e di 61 euro per il gas. La spesa complessiva, dunque, sarà di 105,5 euro inferiore rispetto al periodo precedente. Tuttavia, se si considera l’anno “scorrevole”, ossia i 12 mesi compresi fra l’1 luglio 2017 e il 30 giugno 2018, la spesa complessiva sarà di 533,73 euro: il 5,6% in più rispetto ai 12 mesi equivalenti del 2016-2017, pari a 28 euro in più.

Nelle bollette pesano gli oneri di sistema

Perché se i costi di luce e gas scendono, le bollette a giugno 2018 saranno ancora care? Perché continuano a rimanere elevati le tasse e i cosiddetti “oneri di sistema”, i costi stabiliti dall’Autorità per le attività legate al sistema elettrico e del gas, per esempio gli incentivi alle fronti rinnovabili, la dismissione delle centrali nucleari, le agevolazioni alle imprese energivore, gli oneri per il bonus elettrico, i regimi tariffari speciali a favore delle ferrovie. “Per l’elettricità la tassazione raggiunge il 35,78% di ogni singola bolletta, con gli oneri di sistema che volano al 22,44%. Va ancora peggio per il gas, per il quale gli italiani pagano il 42,5% di imposte e oneri su ogni singola bolletta. Questo significa che su base annua ogni singola famiglia paga quasi 191 euro di tasse e oneri sulla bolletta della luce e ben 443 euro di imposte per il gas” ha dichiarato Carlo Rienzi, presidente del Codacons.