Connettiti con noi

Business

Bnp Paribas investe nelle pmi italiane. Pronti 500 milioni di euro

L’obiettivo della nuova Bnp Paribas Bnl Equity Investments (Bbei) è supportare le aziende nella loro crescita, sostenerle in periodi di transizione e affiancarle nel passaggio generazionale

Bnl-Bnp-Paribas Credits: Shutterstock

Bnp Paribas mette sul piatto 500 milioni di euro e una nuova società, la Bnp Paribas Bnl Equity Investments (Bbei) per gli investimenti di minoranza nelle pmi italiane.

Il gruppo finanziario ha intrapreso questa strategia di investimenti nell’equity delle Pmi in Paesi come Francia, Belgio, Lussemburgo e Polonia e adesso intende sperimentarla sul mercato italiano.

Lo stanziamento da mezzo miliardo servirà quindi a entrare in società piccole e medie ma con un fatturato fino a 200 milioni di euro e già capaci di sviluppare giri d’affari dai 20 milioni in su. Lo farà attraverso quote di minoranza, fino a un massimo del 20% dei diritti di voto, nel corso dei prossimi cinque anni.

Il piano d’azione di Bnp Paribas Bnl Equity Investments

Se 95 milioni di euro sono sul campo, 80 sono quelli messi a disposizione per il 2024: si può presumere che il ritmo continuerà a essere questo fino al raggiungimento dei 500 milioni totali nel quinquennio.

L’idea è “supportare le aziende nella loro crescita sia sul mercato domestico che internazionale, sostenerle in periodi di transizione lungo i diversi cicli di mercato e affiancarle nel passaggio generazionale”, ha spiegato Vittorio Ogliengo, chairman del Cib Italy di Bnp e presidente della nuova società che ha già sostenuto Rina, Trime, Conformgest, Femagas, Sonica e Desa.

Il progetto è incentrato sui capitali di cui le Pmi italiane hanno bisogno per operazioni di Mergers & Acquisitions (M&A) ma anche per intraprendere la strada di una crescita costante, per impegnarsi negli investimenti su nuovi impianti produttivi e per valutare nuove filiali commerciali.

“Non saremo capitale silente ma non vogliamo impattare sulle governance”, ha precisato l’a.d. Lorenzo Langella. “L’obiettivo è creare valore, anche per la banca. Non siamo un private equity, ma ci proponiamo come un private capital provider”.