Amazon alza le commissioni, venditori in rivolta

Dopo le condizioni vantaggiose per battere la concorrenza, cresce il malcontento delle aziende, costrette a pagare di più per utilizzare la piattaforma di e-commerce

Crescono le critiche di molte aziende contro Amazon per le nuove politiche del proprio marketplace. La multinazionale specializzata nelle vendite online aveva infatti promosso delle condizioni molto vantaggiose per riuscire a fare concorrenza a eBay, ma nei giorni scorsi ha introdotto un forte rialzo delle commissioni applicate dai player che si appoggiano alla sua piattaforma. Il quotidiano The Indipendent parla di aumenti anche del 60-70% su alcune voci e a due cifre a livello totale soprattutto per alcuni settori, fra cui la componentistica. Lo scontento e le critiche sono molto forti anche perché l’accordo con il colosso dell’e-commerce prevede una clausola di esclusività che impedisce ai diversi player di commercializzare i prodotti su marketplace concorrenti.

© Riproduzione riservata