Video entertainment advertising: -0.2% nel 2020

© Pixabay

l video entertainment advertising subirà una lieve flessione nel 2020, pari allo 0,2%, in 10 mercati chiave: lo prevede lo studio Business Intelligence – Video Entertainment di Zenith, che prende in esame i dati di Australia, Canada, Germania, India, Italia, Russia, Spagna, Svizzera, Regno Unito e Stati Uniti, in rappresentanza del 57% di tutti gli investimenti globali. Il rapporto indaga sul mercato video entertainment, ovvero i contenuti video long-form presenti sulla tv tradizionale e online. Secondo il report, la spesa nel settore performerà meglio del mercato pubblicitario nella sua totalità, che nei 10 Paesi in esame vedrà una flessione dell’8,7%. Una performance che si deve all’aumento della domanda dei consumatori, l’incremento dell’offerta dei contenuti e la concorrenza tra i brand. Zenith evidenzia l’avvenuto sorpasso della spesa per l’entertainment video online rispetto alla tv tradizionale: negli Usa, per esempio, i brand del settore nel 2019 hanno aumentato del 142% il budget pubblicitario, rispetto al +15% degli editori televisivi (gli Usa saranno inoltre il solo mercato in cui la spesa pubblicitaria per il video entertainment continuerà a diminuire dopo il 2020, poiché l’aumento dei ricavi online non compenserà il calo della pubblicità tv e degli abbonamenti pay). Nel Regno Unito, l’incremento è rispettivamente del +79% e +34%. Le tv classiche e le pay tv hanno però aumentato la spesa in risposta alla concorrenza online, ma secondo Zenith questo trend si sta rivelando insostenibile a causa del calo dei ricavi, legato alla pandemia e alle nuove abitudini degli spettatori, che preferiscono la fruizione dei contenuti online. Nel mentre, i brand di entertainment video continuano ad aumentare i propri budget, spendendo soprattutto in digital advertising, con investimenti passati dal 53% nel 2019 al 57%. La spesa digitale resterà stabile poi nel 2021 e crescerà dell’1,3% nel 2022, mentre la spesa per il video entertainment si attesterà su un +1,2% nel 2022.