© UNDP in Europe and Central Asia

Dopo sette anni, il mondo torna a interrogarsi sulle conseguenze del surriscaldamento terrestre. E la conclusione non lascia ben sperare: “Il peggio deve ancora arrivare”, recita il Quinto rapporto sul cambiamento climatico dell’Ipcc - Intergovernmental Panel on Climate Change, presentato in Giappone. E non si può nemmeno sperare in un errore di valutazione: lo studio si è avvalso di oltre 1.700 esperti. Più di 40 i modelli teorici utilizzati. Dunque, il futuro che ci attende sarà caratterizzato dal continuo scioglimento dei ghiacciai, Artico in primis; da ondate di calore, pioggie sempre più violente e da un elevato innalzamento degli oceani. A rischio la barriera corallina così come alcune specie animali. Di questo passo, due sono gli scenari possibili: nel primo l’uomo potrebbe riuscire a mantenere l’aumento della temperatura su i +2 gradi entro la fine del secolo. Nel secondo, invece, la crescita schizzerebbe oltre i 4 gradi.