Santo Versace, 62 anni, è il presidente del gruppo Versace. Nato a Reggio Calabria nel dicembre 1944, un’esperienza di sport agonistico nella Viola Reggio Calabria di basket, si è laureato in economia all’università di Messina nel 1968. Hanno contribuito alla sua formazione professionale esperienze di lavoro diverse: prima la banca (il Credito italiano di Reggio Calabria), poi l’insegnamento (geografia economica alle scuole superiori), poi la libera professione. Quindi ha aperto un ufficio di commercialista e ha continuato a dividersi tra Reggio Calabria e Milano, dove il fratello minore Gianni stava cominciando la sua sfolgorante carriera. Nel 1976 l’ha raggiunto definitivamente e l’anno seguente è stato fondato il marchio Gianni Versace. Nel luglio 1997 il brand era pronto all’approdo in Borsa con Morgan Stanley, ma il 15 luglio Gianni Versace viene ucciso a Miami, fatto che impone una completa revisione delle strategie. Dopo una dolorosa ristrutturazione con cessione di immobili e chiusura di diversi flagship store, e la riorganizzazione della governance societaria, il gruppo è ritornato finanziariamente sano e il break-even economico è atteso per l’esercizio in corso. Santo Versace è stato presidente fondatore di Altagamma nel 1992 e presidente della Camera della moda nel biennio 1998-1999. Oltre che occuparsi della Gianni Versace, attualmente è attivo in Altagamma, Polimoda, Ucid (Unione cattolica italiana imprenditori dirigenti), fa parte del comitato competitività di Formigoni alla Regione Lombardia, partecipa a convegni e incontri di studio su tematiche economiche e sociali, con particolare attenzione ai problemi della sua Calabria.