Viaggi tailor made: le nuove frontiere del lusso

Il lago General Carrera, in Patagonia

Il vero lusso non è viaggiare, ma farlo con stile. Ovvero, cercando nuove mete e soprattutto inedite esperienze. La tendenza è emersa già nei mesi invernali, durante la Bit, la Borsa Internazionale del Turismo di Milano, l’evento di settore più importante nel nostro Paese: i traveller contemporanei cercano tutti, ciascuno compatibilmente con il portafoglio a sua disposizione, l’esclusività. Può essere la meta. Non stupisce allora che un vettore nuovo e attento al mercato come Neos, del gruppo Alpitour, abbia lanciato una nuova rotta sul Vietnam, dopo averne attivate altre sul Madagascar. Persino su destinazioni più “classicamente esotiche” come Cuba, Neos non propone solo i tradizionali e comodi scali di L’Havana o di Cayo Largo, ma anche Varadero e Holguin (fiore all’occhiello: la spiaggia di Guardalavaca). C’è chi sfrutta questo genere di voli – a tratta lunga, ma dai prezzi contenuti – per farsi poi “cucire” addosso sul posto una vacanza su misura: in Italia i travel designer sono sempre più numerosi e richiesti grazie alla loro capacità di modellare a seconda delle esigenze del cliente la scelta delle accomodation o il programma delle escursioni.

Questo è il piccolo-grande lusso che amano concedersi le travelling family, famiglie curiose ed appassionate di viaggi, con una capacità di spesa medio-alta. Sono quelle che si rivolgono a professionisti come Deborah Croci, family travel designer attiva nel settore da una decina d’anni: «Il modo in cui viaggiamo è cambiato: oggi c’è la ricerca sempre più mirata del particolare, del “su misura”, dell’esperienza unica che rende un viaggio indimenticabile per tutti i membri della famiglia. Se prima il bambino “subiva” la scelta dei genitori rispetto alla tipologia di vacanza programmata, oggi invece viene coinvolto nella decisione, partecipa all’organizzazione del viaggio ed è protagonista, quanto gli altri membri della famiglia, delle decisioni principali circa il dove andare, cosa vedere, quali attività fare a destinazione», spiega. 

Trekking-Aysen-Black-Tomato

Per chi poi viaggia da solo, in coppia o in gruppo le offerte si moltiplicano. È sufficiente dare un’occhiata al portale Ruta 40 per rintracciare i migliori private luxury & lifestyle travel designers su piazza. Si presentano come “angeli custodi per viaggi sofisticati”, capaci di elaborare itinerari ed esperienze su misura, spesso consultati per honeymoon fuori dalle rotte canoniche.

E le agenzie tradizionali? Tengono ancora salda la barra del timone grazie al settore dei viaggi di lusso che richiede, per l’organizzazione e l’ottimizzazione degli spostamenti, le competenze di professionisti (mentre il turismo di massa, complice il web, si aggiusta ormai con il fai-da-te). Deluxuring, quartier generale a Londra e uffici anche a Milano, si è specializzato in soggiorni extra lusso in mete esotiche (dal Messico ad Antigua) e calde, perfette 365 giorni all’anno. Ma tra un ecolodge in Namibia – tra le mete più amate dal principe Harry e dalla consorte Megan – e i super resort maldiviani dove sono di casa gli italici vip, chi vince la sfida dell’esclusività? Gli operatori del settore concordano: il vero lusso è un altro. Cold is the new hot : è il freddo a dominare tra le tendenze dei viag­gi extra-lusso di quest’anno. Sì dunque a tour naturalistici nel cuore del Canada incontaminato, sì alle esplorazioni nella ma­gica Islanda, terra di ghiaccio e fuoco, sì a un volo in Alaska a osservare gli orsi polari, a fare kayak tra gli iceberg, ad ap­prezzare l’incredibile luce boreale. Parola d’ordine: trovare – e provare – qualcosa di nuovo (non ancora “instagrammato”, se possibile), poco importa la latitudine. 

Uganda-Black-Tomato

Uganda

Tre mete da sogno selezionate da Black Tomato

Ce lo racconta dal suo ufficio di Londra Greg Fruchtenicht, Content And Partnershps Executive di Black Tomato, la più importante agenzia di viaggi di super-lusso in circolazione. Per Business People  ha selezionato tre mete luxury hot per questa estate, costruendo un podio per nulla scontato. Terzo posto all’Uganda. «Il Paese africano è perfetto per soddisfare l’ossessione di chi vive in città per la cosiddetta “vita selvaggia”: si possono fare trekking alla ricerca dei gorilla nel territorio di confine con il Ruanda, oppure un’esplorazione speciale, con una guida esperta, per osservare gli scimpanzé nel loro habitat naturale, il meraviglioso e poco battuto Kibale Forest National Park». Lodge ai margini della foresta, personale di servizio a completa disposizione per i safari: l’Uganda permette un lusso a prezzi competitivi. Il secondo posto è dedicato a chi proprio non vuole staccarsi dalla cara Vecchia Europa: comporta, nota tra i viaggiatori di classe come “le Hamptons del Portogallo”, a circa un’ora dalla capitale Lisbona. «Per noi è la nuova Ibiza, un’esclusiva via di fuga estiva dalla pazza folla: questa estate tutto il jet-set si riverserà lì, tra ville extra-lusso e lodge curati di cui è dotato il piccolo villaggio. Spiagge ampie e bianche, circondate da dune di sabbia incontaminate che lasciano spazio a campi di riso e di grano: è il posto perfetto per cavalcate nella natura e soste in sofisticate locande impreziosite dagli azulejos, la caratteristica decorazione maiolica del Paese». Qui il vero lusso è la quiete e uno standard di servizi, tra i resort della zona, di eccellenza: «Ne citiamo uno su tutti: lo “chic-hotel” Sublime, lussuoso senza essere pretenzioso, con le sue 14 meravigliose stanze sintetizza la sua giusta combinazione di eleganza e semplicità che è lo stile di Comporta», spiega Greg Fruchtenicht.
Al primo posto tra le mete più esclusive dell’estate, l’agenzia Black Tomato pone Aysen, nella Patagonia cilena, confermando l’adagio cold is the new hot di cui si diceva. «Pochi posti al mondo sono al tempo stesso così tranquilli e avventurosi come Aysen, situata nella Patagonia Settentrionale: arrivare lì significa abbracciare con gli occhi una terra remota, fatta di enormi ghiacciai, di fiordi e montagne innevate», racconta Fruchtenicht. «È il posto perfetto per disconnettersi col mondo, per gustarsi un meraviglioso isolamento, per lasciarsi ispirare da paesaggi di rara bellezza e purezza. Abbiamo selezionato per i nostri clienti alcuni hotel, piccole local boutique, veri e propri gioielli di accoglienza». Impossibile non tornare rigenerati, nel corpo e nello spirito, dopo un soggiorno così.

Mete sofisticate, itinerari su-misura e servizi innovativi: la vera vacanza extralusso si distingue anche per l’eccezionalità delle esperienze offerte. La tecnologia aiuta: Black Tomato ha sviluppato per i clienti più esigenti il programma Drone the World che affianca alla tradizionale guida un cameramen esperto nella gestione di droni così da far assaporare alla clientela un punto di vista ancor più esclusivo sul posto che sta visitando. L’agenzia si serve di operatori esperti che hanno lavorato su set cinematografici di avventura o che collaborano con il National Geographic: al termine della vacanza, i clienti ricevono un pacchetto personalizzato di foto digitali delle loro escursioni immortalate dall’occhio del drone. Più esclusivo di così...

Drone the World

Una delle immagini scattate dal programma Drone the World