Romanticismo nero da Goya a Max Ernst © VG Bild-Kunst, Bonn 2012

È la prima esposizione tedesca a concentrarsi sull’aspetto cupo del romanticismo e la sua eredità culturale evidente soprattutto nel Simbolismo e nel Surrealismo. Oltre 200 tra pitture, sculture, disegni grafici, fotografie e film mostrano il fascino esercitato sugli artisti tra la fine del XVIII e gli inizi del XX secolo dalle tenebre, dai segreti e dal male. Dai lavori significativi di Francisco Goya, William Blake e Caspar David Friederich si passa ad artisti come Salvador Dalì, René Magritte, Paul Klee e Max Ernst: opere che parlano di solitudine e melanconia, di passione e morte, dell’attrazione per l’horror e l’irrazionalità dei sogni.

Romanticismo nero da Goya a Max Ernst
Städel Museum, Berlino
Fino al 20 gennaio 2013
www.staedelmuseum.de