Ikea e Mondo Convenienza trainano il settore mobili in Italia

Ikea e Mondo Convenienza: sono queste le due aziende più floride sul fronte arredamento in Italia. Dal focus dell’Ufficio studi Mediobanca sul comparto del legno e dell’arredo, che ha preso in considerazione 319 società con fatturato superiore ai 16 milioni di euro, infatti, emerge che gli attori più importanti del mercato dei mobili sono Ikea Italia Retail, che nel 2016 ha incassato 1,75 miliardi, ed Edil Tre Costruzioni (Mondo Convenienza), le cui vendite hanno raggiunto il miliardo. Seguono il gruppo Saviola, con 545 milioni, la Inca Properties (Friul Intagli) con 476 milioni e il gruppo Natuzzi, con 454 milioni. I compratori più attivi? Quelli italiani: i maggiori incrementi, infatti, si sono avuti sul mercato domestico, mentre gli acquisti esteri sono stati più contenuti.

 

Le aree più attive nella produzione di mobili

Il settore più dinamico è sicuramente quello dei produttori di mobili per ufficio e spazi pubblici, che ha fatto segnare un +12,5%. Seguono il comparto delle cucine (+8,7%) e dei materassi (+5,3%). Poltrone e divani (+1,4%) e illuminazione domestica (+1,3), invece, hanno avuto una crescita più lenta.

Se si ragiona da un punto di vista puramente geografico, la medaglia d’oro va al Nord Est, che ospita il 44% delle 319 imprese, seguito dal Nord Ovest (31%) e dal Centro Nec (Marche, Toscana e Umbria), dove si trova il 16% delle aziende. Nei distretti, infine, ha sede il 54% delle imprese.

Complessivamente, secondo i dati Federlegno-Arredo, il sistema dell’arredo e del legno nel 2016 poteva vantare un giro d’affari di circa 41 miliardi, con un export stimato in circa 15,6 miliardi e 320 mila dipendenti.