BolognaFiere Cosmoprof ha annunciato ufficialmente che l’edizione 2020 si svolgerà dall’11 al 15 Giugno 2020. “I recenti sviluppi legati alla diffusione del Coronavirus in Italia ci hanno imposto nelle ultime ore di rivedere le nostre posizioni. In accordo con la Regione Emilia Romagna e con la municipalità di Bologna abbiamo valutato la situazione, e posticipare la manifestazione è ad oggi la soluzione più corretta, per supportare le istituzioni impegnate a oggi nella tutela della nostra salute”, ha dichiarato Gianpiero Calzolari, presidente di BolognaFiere.

+FIERE E SALONI: IN ITALIA COMPARTO DA 60 MILIARDI DI EURO+

“La decisione di posticipare la manifestazione dall’11 al 15 giugno è un’ulteriore testimonianza del nostro impegno a supporto dello sviluppo dell’industria cosmetica a livello mondiale. In questo modo possiamo offrire agli oltre 3.000 espositori di questa edizione e ai 265.000 operatori presenti ogni anno un evento di business di qualità, come nella tradizione di Cosmoprof da 53 anni a questa parte. Desidero ringraziare i nostri espositori e i nostri partner per la comprensione dimostrata in queste settimane, alla luce del complicato scenario in cui ci siamo trovati ad agire. Grazie alla collaborazione dell’intera industria cosmetica, il nostro evento a giugno sarà un momento di rilancio per il settore” ha commentato Enrico Zannini, direttore generale di BolognaFiere Cosmoprof. “Anche in questa occasione, Cosmetica Italia si muove al fianco dello storico partner BolognaFiere Cosmoprof e condivide la decisione di posticipare la manifestazione fieristica per garantire le massime condizioni di salute e sicurezza agli operatori e ai visitatori dell’evento. L’obiettivo futuro è quello di arrivare compatti al nuovo appuntamento per riconfermare lo slancio dell’industria cosmetica italiana, eccellenza riconosciuta nel mondo, capace di reagire positivamente anche in contesti di incertezza”, ha aggiunto Renato Ancorotti, presidente di Cosmetica Italia.

Il programma e le iniziative speciali dell’edizione 2020 non subiranno sostanziali modifiche. In particolare, sono garantite le attività delineate nei mesi scorsi per ottimizzare le opportunità di business degli operatori presenti a Bologna.