Una nuova droga fa strage in Russia

Il mix esplosivo di estratti vegetali e sostanze psicoattive ha già ucciso 25 persone, avvelenandone oltre 700

Una nuova, fatale, miscela di droghe sta mietendo morti in Russia. A dare l’allarme è lo stesso servizio antidroga russo che ha contato, dal 19 settembre a oggi, 25 morti e 700 persone avvelenate. Molti di loro sono adolescenti.

Tra le zone più colpite, le provincie. In particolare spiccano il distretto autonomo siberiano di Khanti Mansisk, la regione di Kirov e la repubblica autonoma russa di Baskiria. Ma nemmeno Mosca è rimasta immune: tre i morti raccolti in città.

«Abbiamo fermato la diffusione di questa droga per il momento», ha sottolineato Viktor Ivanov, capo del servizio. La nuova droga sintetica proverrebbe dal sud est asiatico e apparterrebbe alle spice: un genere di droga leggera, a basso costo e facile da fumare, i cui effetti sarebbero tanto immediati quanto poco prevedibili.

A oggi, però, non è stata ancora individuata l’esatta natura tossicologica del mix di droghe che ha innescato la carneficina in Russia, anche se dovrebbe comprendere estratti vegetali e sostanze psicoattive. Il servizio antidroga russo avrebbe già arrestato 20 spacciatori della nuova miscela.

«Ogni anno appaiono nel mondo 300 nuove droghe, questo significa che quasi ogni giorno appare una nuova droga», ha osservato Ivanov.

© Riproduzione riservata