Previsioni meteo, arriva la percentuale di affidabilità

Le generiche indicazioni “sole”, “pioggia”, “nuvole” non bastano più. Da qui, la decisione di affinare le indicazioni...

Il clima è impazzito e il servizio meteo non riesce a dar conto dei cambiamenti: troppo repentini, nonché troppo variabili di zona in zona. Le generiche indicazioni “sole”, “pioggia”, “nuvole” non bastano più. Da qui, la decisione di affinare le indicazioni: da ora in poi, anche per difendersi dalle accuse degli albergatori (le prime vittime di una previsione sbagliata), alcuni siti indicheranno la percentuale di affidabilità della previsione meteo. Non solo. C’è chi indicherà, per le città turistiche, le ore di sole effettivamente esistenti. “Partiamo con un nuovo servizio gratuito dedicato al turismo dove dichiariamo la percentuale di affidabilità di ogni previsione”, comunica Stefania Cattaneo di 3bmeteo.com. “Garantiamo anche una previsione disegnata a mano che indica quando e per quante ore il sole sarà presente nelle località turistiche. Così chi è al mare saprà le ore di sole e rispetteremo la sensibilità di chi ha aspettato tanto per andare in vacanza”. Sulla stessa linea d’onda anche il sito ilmeteo.it: “Garantiamo non solo il numero di ore di sole nell’arco della giornata ma anche l’intensità dei raggi ultravioletti in modo da proteggersi al meglio e anche l’energia oraria massima prodotta dagli impianti fotovoltaici per metro quadro. Così si avrà una visione chiara della giornata nelle località balneari”, conferma il direttore del sito Antonio Sanò. Per poi aggiungere: “Ci dispiacciono le critiche, ma c’è una compensazione: perché è vero che a volte abbiamo sbagliato, anche se raramente, causando disagi ma altre volta l’errore inverso li ha favoriti. Vogliamo ridurre al massimo gli sbagli e queste modifiche migliorano la comunicazione verso tutti”. Soddisfatta Federalberghi che tuttavia rilancia: “Limitiamo le previsioni alle 48 ore, perché oltre si tratta di tendenze, e poi creiamo una simbologia unica per tutti a tutela di turisti e imprenditori”, propone Alessandro Giorgetti, presidente regionale Emilia-Romagna di Federalberghi.

© Riproduzione riservata