Connettiti con noi

Attualità

Miss Monroe: «Geniale nella sua svampita ironia»

È duplice la passione che nutre Simona Ventura: per Norma Jeane, oltre che per l’eterna Marilyn

Lei che spesso è negli States, è mai stata in luoghi legati alla memoria di Marilyn?Sono stata sulla sua tomba con la mia amica Gisella nel 2005, quando per qualche mese mi ero trasferita a Los Angeles. È stata un’esperienza forte, profonda e commovente. Non c’era nessuno, ma la sua tomba era piena di fiori a testimonianza che i suoi fan non l’hanno dimenticata. Il suo mito è ancora vivo. È morta prematuramente: per questo Marilyn rimarrà un mito eterno di giovinezza e bellezza.

Possiede dei gadget da collezione a tema?Sì, tantissimi, a partire dai porta bicchieri e tovaglioli che mi ha regalato il mio amico Cristiano Malgioglio e poi quadri con la sua immagine ovunque. Quando avevo 16 anni la mia camera era tappezzata con i suoi poster. Sono sempre stata dalla parte delle donne passionali. E lo sono ancora oggi!

La sente vicina per qualche altro tratto comune?La trovo così ironica nel suo essere così svampita. È geniale! Penso usasse questo ruolo per andare avanti e acquisire dignità. Ma Marilyn era tutt’altro… Anch’io all’inizio della mia carriera ho fatto finta di essere un po’ oca perché così era più facile lavorare. Per esempio, dovevo far finta di non capire niente di calcio. Poi però hanno scoperto che non era vero…

Nel 2009, sul set de La fidanzata di papà, affermò di essere disponibile a interpretare un remake di A qualcuno piace caldo…Sì, però ormai ho passato l’età per iniziare a fare teatro. Fare quel remake con Massimo Boldi e Christian De Sica sarebbe il sogno di una vita ma la mia carriera è la Tv. Oggi il mio obiettivo è sviluppare format dietro le telecamere. Tra l’altro, nel 1997 fui scelta dal regista Francesco Bellomo, un grande amico, per un adattamento teatrale di Quando la moglie è in vacanza, ma per impegni televisivi non riuscii a prendere questo ruolo. Lì si chiuse la mia carriera teatrale.

Nel panorama attuale, c’è un’attrice internazionale che in qualche modo gliela ricorda?Non credo, ed è un vero peccato… Sono quei miti come Monica Vitti, fenomeni eccezionali e irripetibili.

Articolo principale: Pretty Marilyn