Dove nascere nel 2013? Scegliete la Svizzera

L’Economist Intelligence Unit stila la classifica delle nazioni in cui si vive meglio, ovvero dove sarebbe meglio nascere nel prossimo anno. L’Italia supera Francia e Germania, ma peggiora: nel 1988 era quarta

Pensate di voler metter al mondo un figlio? Trasferitevi in Svizzera, oppure in Australia o Norvegia. Sono questi i tre Paesi che si sono guadagnati il podio nella classifica stilata dall’Economist Intelligence Unit (Eiu) relativa ai luoghi più “indicati” in cui venire al mondo di questi tempi. La ricerca ha coinvolto 80 Paesi, valutati in base a undici indicatori geografici, demografici, politici, economici, oltre che sociali e culturali statisticamente significativi (per esempio il tasso di criminalità, la fiducia nelle istituzioni e la ricchezza personale l’andamento dell’economia mondiale e le previsioni di reddito pro-capite del 2030).Con voti superiori all’8 si trova anche la Svezia (con 8,02 è al quarto posto in classifica), la Danimarca (8,01, quinta posizione) e Singapore (8, sesto), seguite da Nuova Zelanda (7,95), Paesi Bassi (7,94), Canada (7,81) e Hong Kong (7,80).

ITALIA IN CALO. Ventunesimo posto, invece, per l’Italia che conquista un 7,21 in grado di piazzarla meglio rispetto a Giappone, Francia, Gran Bretagna e i Bric, Paesi con economie promettenti, ma che fa rimpiangere il passato: nel 1988 il nostro Paese era al quarto posto. La stessa ricerca, svolta anni 24 anni fa, tratteggiava infatti un mondo ben diverso: nel “where-to-be-born” index il primo posto era detenuto dagli Stati Uniti, Paese migliore in cui nascere e oggi al sedicesimo posto. Seguiva la Francia, oggi ben lontana dal podio con la sua 26esima posizione e la Germania, che attualmente condivide la sedicesima posizione con gli Usa.

LE CAUSE. Tra le motivazioni che hanno determinato grandi scostamenti rispetto al 1988 vi è certamente la recente crisi economica e i conseguenti problemi che ha determinato nei Paesi più coinvolti, ma anche lati positivi come l’aspettativa di vita più lunga e la maggiore libertà sperimentabile nei Paesi più arretrati. Un consiglio? La Nigeria va bene per trascorre un periodo di vacanze, ma dimenticate di dare alla luce un figlio in questo Paese: è l’ultimo posto in classifica con un voto di 4,74, preceduta da Kenia, Ucraina, Bangladesh e Angola.

La classifica dell’Economist Intelligence Unit e il confronto con il 1998

© Riproduzione riservata