Antitrust, multa da mezzo milione a Colgate per dentifricio sbiancante

Secondo l’Authority, i claim usati per promuovere il prodotto Expert White non forniscono informazioni veritiere e impediscono di fare scelte consapevoli

Non è vero che usando il dentifricio Expert White di Colgate- Palmolive si possono avere denti più candidi in soli cinque giorni, rimuovere le macchie in profondità e cancellare anni di ingiallimento. Questo, perlomeno, è quanto ha stabilito l’Antitrust, che ha deciso di infliggere una multa da mezzo milione di euro per pubblicità ingannevole alla famosa multinazionale americana produttrice di cosmetici per la cura del corpo. Dopo una segnalazione di Altroconsumo, l’Autorità ha esaminato la questione, giungendo alla conclusione che a oggi non è stata prodotta alcuna prova che dimostri che l’ingrediente sbiancante contenuto all’interno del prodotto sia lo stesso impiegato dai dentisti (e diverso da quelli contenuti nella maggior parte degli altri dentifrici) e che permetta di raggiungere gli effetti decantati dall’azienda. Lo studio presentato a sostegno della tesi dello sbiancamento, infatti, secondo l’Authority “non dà né indicazioni su quanto tempo serva per ottenere i benefici, né fa riferimento allo sbiancamento in profondità dei denti, quanto piuttosto si limita ad agire sulle macchie estrinseche”. Insomma, la pubblicità giudicata ingannevole non fornisce informazioni veritiere e impedisce ai consumatori di fare una scelta consapevole. Per questo, Colgate sarà costretta a pagare una multa salatissima.

© Riproduzione riservata