A Porsche l’anello di Nardò, dove volano le auto

Il marchio automobilistico tedesco nuovo proprietario della pista nel leccese, creata da Fiat e dove grandi marchi come Ferrari, Lamborghini e Aston Martin testano i propri modelli

Porsche mette le mani sull’anello di Nardò, la famosa pista creata nel leccese nel 1975 dal gruppo Fiat, e che il mondo ci invidia perché da lì vengono rifinite le auto dei più grandi marchi automobilistici mondiali, da Ferrari e Lamborghini ad Aston Martin, Jaguar, Volkswagen e Bmw. Dal prossimo maggio la controllata Porsche Engineering sarà proprietaria al 100% del Nardò Technical Center, ovvero un’infrastruttura che si estende su un’area di 700 ettari circa e comprende oltre 75 chilometri di piste di vario tipo che si differenziano, ad esempio, in base alla lunghezza e all’esigenza di simulare le diverse condizioni di terreno e meteorologiche. Tra le strutture principali il famoso anello circolare, lungo 12,5 chilometri, e la moderna pista di handling di 6,2 chilometri. Porsche ha concluso l’acquisto con Centrobanca, l’attuale proprietario del capitale di Nardò Technical Center.In una nota la casa tedesca, ha annunciato che intende aprire l’autodromo anche ad altri marchi. Il prezzo di vendita non è stato reso noto.

© Riproduzione riservata