Connettiti con noi

People

Oscar Farinetti è “Fico”? Ecco il suo patrimonio

Ha ceduto il controllo di Eataly ai figli per puntare sul sogno Fico. Ma il patrimonio di Oscar Farinetti è ben più ramificato

Oscar Farinetti, un patrimonio italiano. Il patron di Eataly ha da poco inaugurato il suo ultimo sogno, Fico, la “Disneyland del Cibo” e Fabbrica italiana contadina (da qui l’acronimo) con ben 9 mila metri quadri di mercato, dove poter fare la spesa anche in bicicletta e farsi spedire a casa tutto via posta; 150 aziende coinvolte nella realizzazione; oltre 45 luoghi dove poter trovare ristoro; 40 fabbriche contadine e una Fondazione con quattro università. Ma il viaggio di Farinetti parte da lontano e si ramifica anche oltre Eataly.

Oscar Farinetti, un patrimonio italiano

Il patrimonio di Oscar Farinetti è connaturato a Eataly, anche se formalmente il fondatore ha passato la guida gestionale ai figli Francesco e Nicola – affiancati dal sodale socio della prima ora Luca Baffigo Filangieri e al presidente esecutivo Andrea Guerra – così come le quote di proprietà, divise tra i tre eredi (il terzo fratello, Andrea, è consigliere di Eataly). I fondi per avviare l’avventura di Eataly (1 miliardi) arrivarono dalla cessione nel 2003 della catena di negozi di elettronica Unieuro all’inglese Dixon Retail.

CHI È E DA DOVE VIENE IL FONDATORE DI EATALY

Ill vulcanico imprenditore rimane presidente, nonché secondo azionista con il 17,87%, di Eataly Real Estate, di Eataly Distribuzione (la joint venture con Coop 3.0 e Coop Liguria), di Eataly Vini, di Eatinerari, oltre amministratore unico di Eataly Piacenza Real Estate e presidente onorario di Eataly World, oltre a cariche nei consigli di amministrazione di altre società del gruppo. Grazie ai suoi rapporti con la politica, è riuscito a ottenere l’assegnazione della gestione dei 20 ristoranti tematici dell’Expo 2015 – incasso complessivo di quasi 30 milioni – soffiando in corsa il posto a Esselunga.

Non solo Eataly

Il primo investimento di Farinetti nell’alimentare era stato nel 2003 l’acquisizione del Premiato Pastificio Afeltra di Gragnano, mentre oggi le attività della finanziaria Valori e Mestieri, partecipata dall’amministratore unico Oscar Farinetti al 19,61%, sono molteplici. Nel portafoglio della holding ci sono la casa vitivinicola Fontanafredda (quota di partecipazione del 47,83%), e un hotel a 4 stelle, nel Cuneese, Castello di Santa Vittoria, oltre a due osterie a Pinerolo e Aosta.