Connettiti con noi

Novità dalle aziende

Luce e gas: cosa aspettarsi dal mercato libero con la fine del servizio di maggior tutela?

Luce e gas: cosa aspettarsi dal mercato libero con la fine del servizio di maggior tutela? Credits: Shutterstock

Il 1° luglio 2024, i clienti domestici non vulnerabili vedranno la cessazione del servizio di maggior tutela per l’energia elettrica.

Si tratta dell’ultimo atto di un processo iniziato nel 2021, quando la fine del mercato tutelato aveva interessato le piccole imprese, e proseguito nel 2023, anno che aveva sancito il termine per le microimprese.

Lo scorso 1° gennaio 2024, intanto, sempre per i clienti domestici non vulnerabili è arrivata la cessazione dei servizi di tutela per quanto riguarda le forniture di gas.

Rimangono esclusi soltanto i clienti vulnerabili, ossia tutti quelli con specifici requisiti come, per esempio, un’età di oltre 75 anni, una condizione di disagio economico o i nuclei familiari in cui sono presenti persone con disabilità.

Al termine dei servizi di tutela per le forniture di energia elettrica, tutti coloro che non avranno effettuato il passaggio al mercato libero saranno inseriti nel Servizio a Tutele Graduali e assegnati al fornitore associato alla propria area – per designare le compagnie di riferimento, il territorio italiano è stato suddiviso in 26 zone che sono state messe all’asta lo scorso gennaio.

Per quanto riguarda il gas, invece, l’iter scattato in caso di mancata scelta, ha visto gli utenti rimanere con gli stessi venditori, ma a condizioni economiche e contrattuali mutate, del tutto simili a quelle previste per le offerte PLACET.

Per evitare un’assegnazione d’ufficio della fornitura di energia elettrica così come per trovare opportunità più convenienti per quanto riguarda il gas, si può effettuare il passaggio al mercato libero e approfittare dei benefici garantiti dalla sua natura concorrenziale.

Come si determina oggi la competitività sul mercato libero?

La competitività che caratterizza il mercato libero dell’energia dipende soprattutto dal fatto che i fornitori hanno la possibilità di scegliere in autonomia le modalità da seguire per determinare il prezzo della componente energia delle tariffe delle offerte proposte.

È proprio questa la componente su cui le compagnie possono farsi concorrenza. Tutte le altre voci di spesa, infatti, come i costi per il trasporto e la gestione del contatore, gli oneri di sistema e le imposte, vengono fissate direttamente dall’ARERA (Autorità di regolazione per energia, reti e ambiente).

Per quanto riguarda nello specifico le tariffe, un’opportunità interessante è rappresentata dalle offerte luce e gas a prezzo indicizzato, in cui il costo della materia energia prima, essendo legato a quello della componente sul mercato all’ingrosso, varia periodicamente – l’arco di tempo viene definito dal fornitore e indicato in fase contrattuale.

In particolare, il valore viene aggiornato mensilmente sulla base di due indici ben distinti, il Prezzo Unico Nazionale (PUN) per quanto riguarda l’elettricità e il Punto di Scambio Virtuale (PSV) per quanto riguarda il gas.

Un’altra peculiarità del mercato libero che favorisce la competitività è la possibilità per le compagnie di proporre offerte dual fuel, in genere caratterizzate da tariffe più convenienti rispetto a quelle previste per le singole forniture. In più, questi prodotti risultano estremamente pratici, in quanto permettono di gestire entrambe le utenze interfacciandosi con un unico fornitore.

Inoltre, è bene ricordare come attualmente sul mercato libero sia possibile trovare opportunità di risparmio proprio per chi effettua il passaggio dal servizio di maggior tutela, per esempio con offerte dedicate che prevedono interessanti sconti in bolletta di cui usufruire nell’arco di più mensilità.

Naturalmente, per scegliere un’offerta competitiva che sia al tempo stesso effettivamente indicata per il proprio fabbisogno energetico risulta fondamentale valutare con attenzione il fornitore a cui rivolgersi.

I fornitori sul mercato libero sono in aumento: come scegliere?

Secondo l’ultima Relazione annuale sullo stato dei servizi e sull’attività svolta a cura di ARERA, il numero dei fornitori attivi nella vendita al dettaglio di energia elettrica e gas sul mercato libero continua a crescere. Nel 2022, in particolare, si è registrato un aumento rispettivamente del 4,3% e del 4,7%, per un totale di fornitori che ha toccato quota 672 per l’elettricità e 512 per il gas.

A fronte dell’ampio ventaglio di possibilità a disposizione, il consiglio è quello di fare riferimento a compagnie affidabili e di grande esperienza, in grado di mettere a disposizione dell’utenza vere e proprie competenze specialistiche.

Tra i fornitori più importanti attivi sul mercato libero dell’energia c’è Sorgenia, la green-tech energy company italiana nata proprio insieme alla liberalizzazione del settore, nel 1999.

Attualmente, la compagnia mette a disposizione offerte a prezzo indicizzato con cui è possibile usufruire di energia elettrica (Next Energy Sunlight Luce), di gas (Next Energy Sunlight Gas) oppure di entrambe le forniture (Next Energy Sunlight Luce + Gas), anche in bundle con la fibra ottica (Next Energy Sunlight Luce + Gas + Fibra). In più, Sorgenia ha formulato un’offerta esclusiva per i clienti non vulnerabili ancora nel mercato tutelato, con uno sconto dedicato di cui usufruire nelle prime 12 bollette.

A prescindere dall’offerta sottoscritta, Sorgenia permette sempre di usufruire di elettricità prodotta da fonti al 100% rinnovabili, certificate dalla Garanzia di Origine rilasciata dal GSE (Gestore Servizi Energetici).

Ogni utenza può essere gestita anche online, dall’area personale oppure attraverso l’app MySorgenia, dov’è possibile tenere conto dei pagamenti da effettuare, consultare tutte le bollette grazie a un pratico archivio digitale, ricevere assistenza in caso di necessità ed effettuare l’iscrizione alla community di Greeners.

Quest’ultimo è un vero e proprio programma fedeltà che richiede di svolgere missioni con cui impattare meno sull’ambiente per accumulare green coins, vale a dire punti che possono essere poi convertiti in premi ecosostenibili oppure impiegati per sostenere concretamente iniziative solidali o a tutela del Pianeta.

Per ridurre l’impronta ecologica, Sorgenia mette a disposizione, con le offerte luce, dual fuel e in bundle con la fibra, anche Beyond Energy, una piattaforma di monitoraggio dei consumi elettrici con cui è possibile ricevere utili consigli in merito a come ridurre gli sprechi energetici e, di conseguenza, impattare meno sull’ambiente.

Infine, i possessori di auto elettriche con un’offerta attiva possono effettuare le ricariche con MyNextMove – l’app Sorgenia con cui trovare le colonnine più vicine in modo semplice e veloce – beneficiando del 10% di sconto.

L’attivazione delle offerte Sorgenia può essere effettuata direttamente online: è sufficiente fornire un documento di riconoscimento e il codice fiscale, il POD e/o il PDR, i dati relativi al consumo annuo delle forniture richieste e quelli necessari per procedere a definire il metodo di pagamento.

I clienti non vulnerabili ancora nel mercato tutelato possono ricevere tutti i dettagli in merito all’offerta esclusiva telefonicamente, chiamando il numero verde oppure lasciando direttamente sul sito web ufficiale di Sorgenia il proprio recapito e indicando la fascia oraria in cui si preferisce essere contattati.