Caro bollette: consigli, idee e soluzioni per tagliare i costi di luce e gas

L’aumento delle tariffe del gas e dell’energia elettrica sta mettendo a dura prova le famiglie italiane.

La causa principale è legata alla decisione della Russia di tagliare le forniture di gas ai paesi europei, una materia prima energetica indispensabile non solo per l’approvvigionamento di gas ma anche per la produzione di energia elettrica. Si tratta di uno scenario decisamente complesso, che nel corso degli ultimi mesi è stato caratterizzato da numerosi mutamenti che non permettono di fare previsioni di lungo periodo.

Nonostante questo, però, rimane possibile adottare alcune soluzioni all’aumento delle bollette luce e gas, per esempio orientandosi verso un fornitore del mercato libero così come adottando comportamenti salva sprechi nonché investendo in soluzioni più efficienti dal punto di vista energetico.

Scegliere la tariffa luce e gas migliore contro il caro bollette

Orientarsi verso le offerte del mercato libero permette di beneficiare di una convenienza maggiore. Infatti, mentre nel servizio di maggior tutela le tariffe sono stabilite dall’Autorità di regolazione per energia reti e ambiente (ARERA), nel mercato libero i fornitori possono decidere autonomamente in merito alla componente energetica.

Inoltre, a differenza del mercato tutelato, è possibile trovare offerte dual fuel, con cui rivolgersi a un unico fornitore sia per la luce che per il gas, usufruendo in genere di tariffe ancora più competitive. A questo proposito, guardando alle proposte attualmente disponibili sul mercato libero, risulta particolarmente interessante Next Energy Sunlight Luce + Gas di Sorgenia, la prima digital energy company attiva nel nostro paese.

Si tratta di un’offerta a prezzo indicizzato, che viene aggiornato mensilmente prendendo a riferimento il costo dell’energia sul mercato all’ingrosso. In questo modo, quindi, si può beneficiare di grande flessibilità e provare a risparmiare in bolletta in caso di eventuali fluttuazioni al ribasso.

Ovviamente non bisogna esaminare solo il prezzo dell’energia, ma è indispensabile considerare la fornitura in maniera più completa tenendo conto dei propri consumi di gas ed energia elettrica. Per analizzare in modo consapevole le offerte luce e gas nel mercato libero bisogna quindi valutare il proprio fabbisogno di energia, utilizzando il resoconto sui consumi presente nelle bollette inviate dal proprio fornitore oppure i dati disponibili nell’app del venditore.

Bisogna anche tenere conto dei servizi aggiuntivi proposti dalle compagnie, soluzioni che ad esempio possono aiutare a controllare i consumi e ridurre i costi in bolletta e le emissioni di CO2.

Sorgenia, a questo proposito, mette a disposizione Beyond Energy, un servizio di monitoraggio dei consumi domestici, di cui è possibile richiedere anche un’analisi dettagliata per ricevere consigli personalizzati in merito a come ridurre gli sprechi nel corso della quotidianità.

Come ridurre il consumo di energia elettrica in casa

Se il primo passo per proteggersi dall’aumento dei costi energetici è scegliere una tariffa luce e gas vantaggiosa, è importante anche ridurre i consumi elettrici in casa attraverso un utilizzo più responsabile dell’energia.

Ad esempio, è possibile aumentare di un paio di gradi la temperatura del climatizzatore in estate, schermare le finestre esposte a sud e a est e chiudere le persiane quando l’impianto è in funzione: tutti accorgimenti che, secondo l’ENEA, possono portare a dimezzare i consumi legati alla climatizzazione estiva.

Bisogna anche verificare di aver sostituito tutte le vecchie lampadine a incandescenza, anche nelle seconde case e in luoghi come cantine e garage, installando al loro posto lampadine a LED a basso consumo energetico.

Al momento dell’acquisto di un nuovo elettrodomestico bisogna sempre scegliere un dispositivo della migliore classe energetica.

Per diminuire i costi in bolletta è opportuno valutare anche la convenienza dell’installazione dei pannelli solari fotovoltaici sul tetto, per produrre una parte dell’energia elettrica necessaria a coprire il proprio fabbisogno energetico e ridurre il prelievo dalla rete.

In questo caso si tratta di un intervento di lungo termine, in quanto bisogna prima di tutto ammortizzare la spesa per l’acquisto e l’installazione dell’impianto fotovoltaico, per usufruire in un secondo momento del risparmio economico ottenuto dalla riduzione dell’energia ricevuta dalla fornitura esterna.

Come diminuire il consumo di gas senza compromettere il comfort termico

Anche per diminuire i costi relativi alla bolletta del gas è importante ridurre i consumi in modo selettivo, senza pregiudicare il proprio benessere abitativo.

Ad esempio, è possibile ridurre di 1°C la temperatura del riscaldamento, un semplice accorgimento che non compromette il comfort termico, ma permette, sempre secondo l’ENEA, di risparmiare fino a quasi 82 metri cubi di gas all’anno a una famiglia.

Un altro intervento efficace è l’installazione di un impianto solare termico, con il quale sfruttare l’energia solare per produrre acqua calda ad uso sanitario e per il riscaldamento domestico, riducendo il prelievo di gas dalla rete per ottenere una bolletta più leggera.

Infine, è possibile considerare la sostituzione della vecchia caldaia a gas con un modello più efficiente, oppure un intervento per migliorare l’isolamento termico dell’abitazione, approfittando delle agevolazioni disponibili per la riqualificazione ene

© Riproduzione riservata