Tutta mia la città

Dimensioni ridotte all’osso, consumi ridotti ma fascino da vendere. È finita l’era in cui le piccole utilitarie erano una seconda scelta principalmente dettata dal fattore economico. Oggi chi usa...

Dimensioni ridotte all’osso, consumi ridotti ma fascino da vendere. È finita l’era in cui le piccole utilitarie erano una seconda scelta principalmente dettata dal fattore economico. Oggi chi usa prevalentemente l’auto in città e non vuole problemi di parcheggio non deve per forza rinunciare al look e al comfort. L’ultima arrivata è la Toyota Iq. Tre posti – più uno, dietro al pilota, di emergenza – in 298 cm. Questa piccola orientale è davvero geniale nell’utilizzo degli spazi: se esternamente pochi cm – 29 per l’esattezza – la differenziano dalla Smart, in quanto ad abitabilità interna non c’è paragone. I due posti in più e l’eventuale bagagliaio (238 litri con i sedili reclinati) sono già un vantaggio ma è nell’abitabilità anteriore che la differenza si fa sentire. In movimento la Iq segna un altro punto a suo favore. Ciliegine sulla torta sono: il morbido sterzo servoassistito e il raggio di sterzo di soli 8,48 metri contro i 9,14 della Smart e i 9,97 della Fiat 500.La piccola due posti tedesca si prende una grossa rivincità in fatto di look e agilità. Le numerosissime personalizzazioni di interni ed esterni della Smart Fortwo MHD Passion nulla hanno a che spartire con l’eccessiva sobrietà della Toyota Iq. Nella versione MHD è dotata del sistema Stop&Start che spegne e riavvia automaticamente il motore durante le soste al semaforo o quando si è in colonna per ridurre sensibilimente le emissioni e i consumi. Un ingegnoso sistema montato anche sulla cittadina italiana per eccellenza: la Fiat 500, nella versione 1.2 Pur-O2. Questa sigla caratterizza i modelli più ecologici della Casa torinese. La 500 1.2 presentata all’ultimo Motor Show ha emissioni contenute in soli 113g/km di CO2. Il sistema di spegnimento del motore abbatte i consumi, che scendono così del 12%, dando un bel colpo alla concorrente Iq. Gli allestimenti di queste city-car non hanno nulla da invidiare alle vetture più importanti e così sul piano della sicurezza – basti pensare che la Iq ha ben 9 air bag – ma questo fa salire i prezzi, che superano i 12.000 euro.

© Riproduzione riservata