Viaggio in Africa: 4 luoghi magici da scoprire

Esperienze, momenti ed emozioni unici, andando alla scoperta di alcuni luoghi magici del continente africano, senza però improvvisarsi turisti dell’ultimo minuto

viaggio-in-africa

Pronti per una nuova avventura? E di avventura si tratta senza dubbio, visto che parliamo di Africa. Decidiamo di metterci nelle mani di qualcuno che sappia come muoversi. Del resto, si sa, un viaggio in Africa non è certo una di quelle attività che si possono improvvisare. Gattinoni Travel, gruppo nato nel 1983 dalla passione per i viaggi e l’organizzazione di eventi di Franco Gattinoni, propone una serie di itinerari differenti per scoprire alcune parti del continente africano.

Quattro proposte di viaggio in Africa

Botswana Experience

viaggio-in-africa

© Shutterstock

Giusto il tempo di ottenere il visto e ci ritroviamo catapultati nella magia dei tramonti africani dove la luce calda del giorno cede velocemente al buio profondo. C’è entusiasmo nel gruppo; in programma per domani una visita a un’altra meraviglia: le Cascate Vittoria. Scortati dal ranger, presenza costante per tutta la durata del viaggio, passiamo senza intoppi il confine Zimbabwe – Botswana alla volta del Chobe National Park, terza area naturale protetta del Botswana per estensione, e la più rinomata per la varietà e abbondanza di vegetazione e fauna. Non a caso il Chobe National Park è noto per essere il luogo con la massima concentrazione di elefanti del continente. E safari sia: un’intera giornata dedicata all’incontro con i famosi Big 5. Risultato eccellente perché siamo riusciti a vedere leone, elefante, bufalo, leopardo e rinoceronte; tutti nel loro habitat naturale. Stanchi della giornata impegnativa non vediamo l’ora di fare rientro al safari camp mobile. L’alloggio è confortevole, ci attendono altre due giornate di safari con sveglia presto; le aree di Savuti, Moremi e il Delta dell’Okavango in particolare, costituiscono l’habitat ideale per molti animali, tra cui bufali, giraffe, leoni, leopardi, ghepardi, iene, sciacalli, zebre, gazzelle, licaoni e molti altri, che in occasione delle stagionali alluvioni si ritrovano qui.

Tanzania Experience

viaggio-in-africa

© Shutterstock

Arrivati a Tarangire ci si avventura alla scoperta del Tarangire National Park e la vicinanza dell’omonimo fiume è di per sé garanzia che riusciremo ad avvistare branchi di elefanti e molti altri mammiferi come orici, kudu, leoni, ghepardi e leopardi. Si è appena conclusa la prima giornata di safari e già pensiamo a domani; in programma visita a Lake Eyasi, uno dei laghi salati della Great Rift Valley, dove poco distanti vivono le tribù degli Hadzabe e dei Datoga: gli ultimi autentici gruppi di cacciatori del Paese. È arrivato uno dei momenti più attesi del viaggio: la bussola punta verso Serengeti National Park, vale a dire il teatro della più grande migrazione di mammiferi del continente africano che vede lo spostamento di circa 2 milioni di gnu, un milione di zebre e di erbivori di diverse specie in cerca di nuovi pascoli e acqua. Si consiglia di viaggiare qui a giugno, perché è tra i mesi maggiormente indicati per assistere alla migrazione degli animali. Dopo il Serengeti non intendiamo fermaci e infatti siamo di nuovo per strada, destinazione Ngorongoro, nella speranza di rimanere ancora una volta sbalorditi dalla moltitudine e varietà di specie che popolano queste zone. Il viaggio si conclude con una bella passeggiata naturalistica in mezzo alle piantagioni di caffè di Karatu.

Sudafrica Experience

viaggio-in-africa

© Shutterstock

Il viaggio in Sudafrica inizia con visita a uno dei quartieri di Johannesburg: Soweto, dove sorge la precedente residenza di Nelson Mandela. Seguiranno tre intense giornate di safari per ammirare, sempre a distanza di sicurezza, ma nel loro habitat naturale: leoni, leopardi, rinoceronti, bufali ed elefanti. Ed eccoci di nuovo in volo, siamo diretti a Cape Town con cui iniziamo a familiarizzare grazie a una mini-crociera che ci porta all’isola delle foche, per poi proseguire alla volta delle Riserva Naturale del Capo di Buona Speranza creata nel 1939 con l’intento di proteggere 7.750 ettari di flora e fauna indigene. Il tour prosegue per raggiungere il Boulders Beach dove abbiamo il piacere di vedere una numerosissima colonia di pinguini africani Jackass. Abbiamo fatto il pieno di natura, l’itinerario segue uno switch “culturale” alla scoperta di Cape Town con il suo Quartiere Malese, il Green Market Square, il mercatino delle pulci e il Castello di Buona Speranza. Concludiamo in bellezza la nostra esperienza sudafricana visitando “Constantia Winelands Valley”, per la produzione di vini di rinomata qualità.

Namibia Experience

viaggio-in-africa

© Shutterstock

Leoni, elefanti, rinoceronti e leopardi popolano l’Etosha National Park che visitiamo da est a ovest a bordo di una 4×4. Questo viaggio in Africa prosegue nel Damaraland, attraversando l’area di Kamanjab per incontrare le popolazioni Himba, visitare la foresta pietrificata e le incisioni rupestri di Twyfelfontein. Dopo una sosta per ammirare la colonia di otarie di Cape Cross si parte della Skeleton Coast per poi giungere a Sandwich Harbour, la punta di diamante di questo itinerario. Sandwich Harbour, nel parco del Nabit Naukluft, conserva una muraglia di alte dune di sabbia che si tuffano nell’Oceano creando paesaggi unici e ancora poco conosciuti. Dal Namib Naukluft Park si raggiungono infine le dune di Sossusvlei proseguendo fino al Kalahari.

© Riproduzione riservata