Quanto costa la tassa di soggiorno a Roma

Alberghi, osteli, B&B: tutte le tariffe (extra) per alloggiare una notte nella Capitale. La tassa di soggiorno a Roma è un piccolo sgarbo ai turisti e una goccia nel mare dei conti di Roma

Quanto costa la tassa di soggiorno a Roma? Dai 2 ai 7 euro, ma dipende da dove si alloggia. Perché la tassa di soggiorno è imposta a tutte le persone che pernottano presso strutture alberghiere e ricettive. Introdotta dalll’art. 4 del Decreto Legislativo n. 23 del 14 marzo 2011, la tassa di soggiorno è obbligatoria nei Comuni che lo prevedono e nn riguarda solo le strutture alberghiere, ma anche campeggi, B&B e così via. Anche per i clienti di Airbnb la tassa è ormai obbligatoria.

Tassa di soggiorno Roma

La tassa di soggiorno, detta anche “tassa turistica”, è quindi un’imposta che deve essere pagata per persona per ogni notte che soggiorna nella città d’arte e nelle località turistiche come Roma. La tassa, sebbene venga versata dal cliente che prende in affitto la camera, dovrà però essere versata dall’affittuario al Comune. I soldi raccolti, un piccolo fastidio per i turisti e una goccia nel mare dei conti della Capitale, dovrebbero essere utilizzati per finanziare opere di ristrutturazione e sostentamento della preservazione del patrimonio culturale.

Le tariffe

A Roma la tassa di soggiorno è stata introdotta con la delibera consiliare n. 67 del 28/29 luglio 2010, di recente modificato con la delibera consiliare n. 44 del 24 luglio 2014. Le tariffe solo le seguenti.

Alberghi
  • 3,00 euro al giorno per persona negli alberghi a 1 stella;

  • 3,00 euroal giorno per persona negli alberghi a 2 stelle;

  • 4,00 euro al giorno per persona negli alberghi a 3 stelle;

  • 6,00 euro al giorno per persona negli alberghi a 4 stelle;

  • 7,00 euro al giorno per persona negli alberghi a 5 stelle.

Il contributo è applicato per persona fino ad un massimo di dieci pernottamenti consecutivi nell’anno solare purchè effettuati nella medesima struttura ricettiva.

Agriturismi

Euro 4,00 al giorno per persona fino ad un massimo di dieci pernottamenti consecutivi nell’anno solare purché effettuati nella medesima struttura ricettiva

Bed and Breakfast

Euro 3,50 al giorno per persona fino ad un massimo di dieci pernottamenti consecutivi nell’anno solare purché effettuati nella medesima struttura ricettiva

Case vacanze

Euro 3,50 al giorno per persona fino ad un massimo di dieci pernottamenti consecutivi nell’anno solare purchè effettuati nella medesima struttura ricettiva

Campeggi e aree attrezzate

Euro 2,00 al giorno per persona fino ad un massimo di cinque pernottamenti consecutivi nell’anno solare purchè effettuati nella medesima struttura ricettiva

Ostia e Tevere

La delibera n. 66 del 22/09/2011 dispone che gli stabilimenti balneari di Ostia, i bus turistici e i battelli sul Tevere partecipano al contributo di soggiorno con un versamento forfettario sulla base delle presenze sul territorio di Roma Capitale dei soggetti non residenti che usufruiscono di questi servizi.

Le esenzioni

Sono esentati dal pagamento della tassa di soggiorno a Roma:

  • minori entro il decimo anno di età;

  • coloro che pernottano presso gli ostelli della gioventù;

  • i malati e coloro che assistono degenti ricoverati presso strutture sanitarie;

  • gli autisti di pullman e gli accompagnatori turistici che prestano attività di assistenza a gruppi organizzati dalle agenzie di viaggi e turismo (uno ogni 23 partecipanti);

  • il personale appartenente alla Polizia di Stato e alle altre forze armate che svolge attività di ordine e sicurezza pubblica;

  • le strutture ricettive di qualunque tipo, che insistono nell’enclave extraurbano di Roma Capitale denominata: frazione territoriale di Polline e Martignano.

© Riproduzione riservata