Connettiti con noi

Lifestyle

Salotti all’aperto

Gli arredi outdoor, realizzati con materiali resistenti al sole e alle intemperie, sono pensati per ricreare all’aperto accoglienti soggiorni e intimi angoli relax in terrazza oppure in giardino

Con la bella stagione si riscopre il piacere di uscire in veranda, in terrazza o in giardino. Ritorna, puntuale, il desiderio di progettare uno spazio verde, per il riposo e i momenti conviviali. Ciò che è cambiato rispetto al passato è il modo di concepire la casa e il giardino, l’interno e l’esterno: gli spazi un tempo indipendenti, oggi sono sempre meno distinti. L’attenzione dedicata all’outdoor è in crescita, così come la ricerca di materiali e design sofisticati. Sono crollate le frontiere tra fuori e dentro, non ci sono confini tra salotti e verande, esiste un fil rouge tra patii, studi e sale da pranzo, tra grill, barbecue e cucine. Così gli arredi destinati all’aperto risentono delle tendenze del design tanto quanto quelli per l’interno.

Innovazione e tradizione

Come per gli interni, anche nella progettazione degli spazi esterni, gli arredi e la loro disposizione giocano un ruolo di primo piano. Occorre comunque privilegiare la resistenza e la qualità dei materiali, che verranno messi alla prova da vento, sole e pioggia. Tra le essenze del legno, il teak, per la sua natura compatta e idrorepellente, viene ampiamente utilizzato e alternato a fibre quali il bambù, il giacinto acquatico, la foglia di banano, il rattan e il sea grass: piante e canne lavorate, piegate e intrecciate sulla scia della tradizione artigianale. Proprio in teak di primissima qualità, è la collezione Square Open Air di Meridiani. Comprende divani, poltrone, tavoli, lettini, caratterizzati da linee geometriche semplici squadrate. è prevista anche una collezione tessile dedicata, in tonalità ispirate agli elementi naturali. L’arredamento non è mai stato così alla moda con le novità di Dedon, che ha ideato l’edizione speciale D.D.C. (Dedon Dress Code): Slim Line, firmata da Jean-Marie Massaud, reinterpreta infatti alcuni dei più classici design del mondo fashion. Esperienza e innovazione, tradizione e ricerca, competenza e sperimentazione, sono le parole chiave che segnano tutta la produzione di Roda. La qualità di tutti i progetti permette una durabilità esasperata. Anche la ricerca di Patricia Urquiola sulle texture tridimensionali, approda a esiti formali, morbidi e sinuosi con la serie Crinoline disegnata per B&B Italia, che si sviluppa in una serie di sedie, poltroncine e poltrone. Una collezione graziosa e raffinata, decorativa, di sedute outdoor intrecciate in polietilene con fili bicolore bianco-nero e nero-bronzo o in abaca, un pattern leggero e prezioso che ricorda i merletti veneziani e i pizzi francesi. Affidata alla sapienza artigiana dei tessitori filippini, la collezione è pervasa da una forte sensualità, soprattutto nel modello a bergère che reinventa la Philippine Chair, la tipica poltrona coloniale di vimini. Anche il nuovo sistema di tavoli Stabiles, disegnato da Alfredo Häberli per Alias, fin dal nome dichiara una precisa fonte d’ispirazione: le sculture in acciaio di Alexander Calder. Häberli ne riprende la leggerezza e plasticità, progettando una collezione interamente in legno massello e in cui particolare rilevanza assume la struttura portante che diventa segno grafico pulito e incisivo e, grazie alle giunzioni a pettine, assicura un’estrema stabilità.

Resistenti a tutto

Realizzati con materiali pregiati e inalterabili, ma allo stesso tempo pratici e leggeri, gli arredi per esterno hanno linee originali ed eleganti, che sempre più puntano sul minimalismo, per soddisfare qualsiasi esigenza di gusto e di spazio. Come nel caso delle collezioni in cui l’alluminio sposa materiali Hi Tech come il vetro temperato e il textilene, in proposte innovative che rispecchiano le ultime tendenze del design. Sembra un’opera d’arte l’amaca Wave di Royal Botania. Realizzata in acciaio inossidabile, Wave si appoggia a terra su un unico elemento che conferisce all’oggetto la sensazione di galleggiare pur assicurando grande resistenza. Il tessuto perforato è semitrasparente e offre la sensazione di trovarsi sotto le fronde di un albero. Jean-Marie Massaud firma invece la serie Heaven di Emu, un manifesto di eleganza tra glamour e sensualità. Sedie, poltrone, tavoli e fioriere in acciaio intrecciato come un tessuto, danno vita a una linea di prodotti dalle forme importanti. Silhouette morbide e leggere, design ecosostenibile, artigianalità, sono invece le peculiarità della collezione Bel Air firmata da Sacha Lakic per Roche Bobois. Estivo, solare e fresco, il divano componibile veste la struttura in tubo di alluminio e l’intreccio in fibre, con cuscini in poliestere e tessuto resistente ai raggi Uv. Colori vivaci e allegre fantasie caratterizzano anche la nuova collezione Cactus Garden di Missoni Home, che evoca viaggi, sensazioni e ricordi.

Fantasia in campo

C’è chi gioca su forme, materiali e colori inusuali, con elementi disinvolti e leggeri che possiedono come attributo essenziale la funzionalità. Realizzati con materiali innovativi, come il polietilene espanso, creano combinazioni particolari ed eleganti, ricche di estro, autenticità, e, soprattutto, gusto. Come il caso di Ami Ami, la sedia realizzata da Tokujin Yoshioka per Kartell. Ispirata al gioco della trama di un tessuto, ma realizzata in policarbonato, Ami Ami nasce dalla volontà di riprodurre l’intreccio, il segno stilistico tipico della cultura giapponese. O ancora Out/In la poltrona alta di Philippe Starck e Eugeni Quitllet per Driade. È un monoblocco in polietilene, con elementi in estruso di alluminio anodizzato di colore argento che si presenta imponente nella forma ma al tempo stesso leggera e facilmente inseribile in qualsiasi contesto. Al riparo da pioggia e sole, gazebo pergolati e ombrelloni consentono di vivere all’aperto nel massimo del comfort. Ensombra di Gandia Blasco è un divertente parasole pieghevole ispirato a un ventaglio, realizzato con base in ferro galvanizzato termolaccato e palo di sostegno in acciaio. Progettata da Karim Rashid e prodotta da Slide, Blos è la seduta che riunisce in sé tradizione e contemporaneità. Sfruttando appieno la versatilità del polietilene espanso, il designer ripropone la vecchia sedia a dondolo: la sinuosità delle linee e l’energia delle forme si fondono per dar vita a un complemento d’arredo giovane e all’avanguardia. Un altro prodotto di personalità è Hug disegnato da Marc Sadler per Serralunga, una comoda seduta in&out. La sdraio Shadowy Chair di Moroso, infine, ha forme ispirate dalle sedute da spiaggia anni ‘20, rese contemporanee dall’uso di pattern colorati digitalizzati nel disegno e realizzati da maestri artigiani africani intrecciando fili di plastica colorati che danno vita a curiose arricciature per formare un parasole.

PASSIONE GARDEN DESIGN

Se siete appassionati di giardini e soprattutto di garden design l’appuntamento cui non potete mancare è il Rhs Chelsea Garden Show, organizzato a Londra dalla Royal Horticultural Society. A questa manifestazione partecipano i più importanti garden designer da tutto il mondo. Purtroppo l’ultima edizione si è conclusa da poco, lo scorso 23 maggio, ma sul sito dell’associazione (www.rhs.org.uk) potete vedere i vari progetti presentati. E, se oltre a essere semplici appassionati avete anche il pollice verde, potete trovare utili consigli nei manuali della Royal Horticultural Society, disponibili anche in italiano.

Credits Images:

Un ambiente outdoor in stile Roda. La collezione di divani modulari Basket interpreta la sfumatura tra l’abitare dentro e fuori la casa con sedute in metallo color milk dagli schienali in poliestere intrecciato