Connettiti con noi

Lifestyle

Pirelli PZero

Antonio Gallo responsabile del progetto Pirelli PZero

Quali sono le tendenze per la prossima stagione e quali i materiali e i colori su cui punterete?Tagli ergonomici per la nuova collezione abbigliamento primavera-estate 2010 Pirelli PZero: nuove forme disegnano il corpo e donano ai capi uno stile essenziale che esalta il design innovativo risultato di accurata ricerca. Estrema attenzione ai particolari che rispecchiano l’anima sperimentale del progetto Pirelli PZero. Capi estremamente versatili e con personalità che rappresentano un vero e proprio stile di vita. La collezione si distingue in due linee: PZero Rosso dedicata ai più giovani e sportivi e PZero Nero più sofisticata per uno stile daily-chic. Forte presenza di dettagli in acciaio in versione satinata e cromata per rivetti, bottoni e tirazip. Forti contrasti di colore rosso, bianco e cachi per la linea PZero Rosso; blu navy, lime e grigio per la PZero Nero. Tessuti d’avanguardia molto leggeri come popeline accoppiato a una particolare membrana windstopper taspirante, Light Nylon, cotone poliuretano e saglia tecnica sottolineano la continua ricerca di materiali innovativi e al tempo stesso estremamente confortevoli. Linee grintose per le calzature grazie all’utilizzo di materiali ricercati e leggeri come la microfibra di carbonio e la microfibra effetto lamina vetro. Mix di tessuti tecnici e cordure con sottili fili di metallo per i modelli più sportivi. Cotoni naturali, vitelli nappati e scamosciati per lo stile urbano. Il nuovo fondo realizzato grazie a una particolare mescola di tre materiali: la gomma, il Tpu e il Tpu espanso, vuole esaltare la doppia anima sportiva e affidabile del prodotto. La stessa anima del nuovo pneumatico Angel, un battistrada che cambia lasciando un’impronta diversa sull’asfalto: prima la figura di un Angelo che, dopo alcuni chilometri, si trasforma via via nella sagoma di un Demone.

Molti parlano già di “ripresa”: nel comparto moda si avvertono segnali in questo senso?Dal settore si hanno segnali a macchia di leopardo, taluni positivi, altri negativi: è dunque difficile generalizzare. Tuttavia l’operazione Chrysler- Fiat mi sembra un accordo destinato a condizionare positivamente tutto l’andamento dell’economia italiana che è certamente influenzata anche da una serie di condizioni psicologiche negative.

Se il suo brand fosse un piatto, un vino e un brano musicale quale sarebbe e per quale ragione? Se fosse un vino sarebbe un barricato nel quale si leggono subito tutte le note della sua storia. Se fosse un piatto potrebbe essere un filetto al sangue: semplice ma ricco di proteine. Se fosse un brano musicale infine sarebbe uno dei pezzi più celebri dei Queen: We are the Champions.

Credits Images:

Antonio Gallo