Nel Cilento la spiaggia più amata dagli italiani: è Cala Bianca

Diciassette in totale le regine dell’estate incoronate dal sondaggio lanciato da Legambiente. L’elenco completo

Dalla spiaggia dell’Isola del Giglio in Toscana alla spiaggia dei Conigli di Lampedusa fino a Punta Pizzo in Puglia. L’Italia, con i suoi 7.400 km di costa, ne ha di spiagge da cartolina. La più bella di tutte? Cala Bianca nel Parco nazionale del Cilento e Vallo di Diano in provincia di Salerno. A decretarlo le migliaia di internauti che l’hanno votata via web per La più bella sei tu, il sondaggio lanciato da Legambiente per eleggere la spiaggia più bella dell’estate 2013. Per il popolo di internet la piccola spiaggia di sabbia bianca circondata dalla vegetazione selvaggia, incastonata nella costa cilentana, è la regina indiscussa «un paradiso terrestre, dove si può ritrovare la calma e la pace».

Ma non è la sola ad essere tanto amata: il sondaggio ha portato nella particolare lista di bellezze naturali altre 16 perle balneari, alcune già molto conosciute, altre tutte da scoprire, in alcuni casi raggiungibili solo via mare o seguendo itinerari conosciuti solo da pochi. L’elenco completo e le immagini

LE 17 SPIAGGE PIÙ BELLE D’ITALIA

Spiaggia

Comune

Provincia

Regione

Cala Bianca

Camerota

Salerno

Campania

Spiaggia dei Conigli

Isola di Lampedusa

Agrigento

Sicilia

Scala dei Turchi

Realmonte

Agrigento

Sicilia

Cala Rossa

Favignana

Trapani

Sicilia

Cala delle Caldane

Isola Del Giglio

Grosseto

Toscana

Cala di Forno

Magliano in Toscana

Grosseto

Toscana

Cala Violina

Scarlino

Grosseto

Toscana

Punta Pizzo

Gallipoli

Lecce

Puglia

Campomarino

Maruggio

Taranto

Puglia

Cala Matano

Isole Tremiti

San Domino

Puglia

Cala Goloritze

Baunei

Ogliastra

Sardegna

Su Giudeu

Domus De Maria

Cagliari

Sardegna

Capo Comino

Siniscola

Nuoro

Sardegna

Rovaglioso

Palmi

Reggio Calabria

Calabria

Chiaia di Luna

Ponza

Roma

Lazio

Baia dei Saraceni

Finale Ligure

Savona

Liguria

Due Sorelle

Sirolo

Ancona

Marche

© Riproduzione riservata