Connettiti con noi

Lifestyle

Maleducazione in aereo: dieci passeggeri da evitare

Spesso chi non è abituato a volare può rivelarsi poco educato. Il London City Airport ha chiesto ai clienti di indicare le 10 peggiori abitudini sugli aerei

Quando si sale su un aereo, indipendentemente dalla durata del volo, il primo pensiero di tanti va al proprio vicino di posto: sarà qualcuno che vuole attaccare bottone, o che si lamenterà tutto il viaggio, o che imprecherà davanti ai bambini? Spesso chi non è abituato a volare può rivelarsi poco educato e il London City Airport ha chiesto ai propri passeggeri di indicare le dieci peggiori abitudini sugli aerei.

IL COMPORTAMENTO PEGGIORE IN VOLO. Le persone che reclinano il sedile sono risultate essere in cima alla classifica, con il 63% che indica questa abitudine come la peggiore tra quelle elencate. Lo spazio vitale di ognuno è la cosa più importante da rispettare, per questo motivo al secondo posto ci sono i passeggeri che invadono il bracciolo senza lasciare spazio per il proprio vicino, mentre chi mette i piedi nello spazio tra i sedili davanti a lui è nominato all’ottavo posto.

Gli atteggiamenti più fastidiosi: 1) Reclinare il sedile tanto da essere praticamente in braccio al passeggero seduto dietro; 2) Mettere il gomito sul bracciolo, senza lasciare spazio per chi è seduto accanto; 3) Essere sgradevole con l’equipaggio (un grazie non costa nulla); 4) Portare in cabina un bagaglio a mano che è chiaramente troppo grande, così alcuni devono mettere il loro nella stiva; 5) Sentire parlare qualcuno talmente ad alta voce che si fa fatica persino ad ascoltare i propri pensieri; 6) Dimenticarsi le buone maniere al momento di scendere dall’aereo, solo per essere i primi in coda al controllo passaporti; 7) Alzarsi in continuazione per recuperare oggetti nelle cappelliere; 8) Appoggiare i piedi nello spazio tra i sedili di fronte toccando le braccia di chi è seduto davanti; 9) Imprecare senza prestare attenzione a chi è seduto accanto; 10) Monopolizzare il finestrino e bloccare la vista agli altri.