Golf, The Barclays Scottish Open Edoardo Molinari sesto al termine del primo giro

Leader a -7 Lee Westwood e Mark Tullo, Edoardo segue con due colpi di distacco. Bene Lorenzo Gagli

Il The Barclays Scottish Open di golf è cominciato ieri sul percorso del Castle Stuart Golf Links a Inverness, Scozia. Una nuova location per questo torneo, su un campo nuovo inaugurato nel 2009. Un campo molto bello con fairway che bisogna prendere a tutti i costi perché il rough è durissimo e i colpi di recupero sono molto difficili, e i green sono ondulati e pieni di insidie. Il nostro Edoardo Molinari parte con tutti gli onori che si devono al vincitore dell’anno scorso, si è infatti aggiudicato il The Barclays Scottish Open nel 2010, quando si era giocato sul percorso del Loch Lomond Golf Club (come dal 1996). Quella dell’anno scorso è stata una bella vittoria per Edoardo, ha chiuso il torneo con 272 colpi, -12 dal par (66-69-63-74) con una paurosa ultima giornata segnata da un doppio bogey alla buca 15, tre bogey alle buche 3, 6 e 7, dodici par e due birdie alle buche 3 e 14.

E il detentore del titolo non ha mancato di fare una bella figura al primo giorno di gioco del The Barclays Scottish Open chiudendo con uno score di 67 colpi, -5 dal par, in sesta posizione a due colpi dai leader del torneo.

Al comando ci sono due giocatori: Lee Westwood (inglese, numero 2 al mondo) e Mark Tullo (cileno )che hanno terminato in 65 colpi, -7 dal par del campo. Seguono in classifica a -6, Peter Hanson (svedese nr 44 al mondo), George Coetzee (sudafricano) e Thorbjorn Olesen (danese). Al sesto posto a -5 ci sono Chris Wood (inglese), Barry Lane (inglese), Retief Goosen (sudafricano, nr 23 al mondo), Jamie Donaldson (gallese), Luke Donald (inglese, nr 1 al mondo), Colin Montgomerie (scozzese), Richard Finch (inglese), Carlos Del Moral (spagnolo), Richard McEvoy (inglese), Mark Warren (scozzese), Scott Jamieson (scozzese), Peter Whiteford (scozzese) ed Edoardo Molinari (nr 34 al mondo).

Edoardo Molinari è partito dalla buca 10 con Lee Westwood e Pablo Larrazabal. Ha fatto un gioco molto regolare sulle prime tre buche dove ha ottenuto tutti par, poi birdie al par quattro della buca 13, due par consecutivi alle buche 14 e 15, birdie al par quattro della 16, par alla buca 17 e birdie al par cinque della buca 18. Edoardo è uscito dalle sue prime nove buche in 33 colpi, tre sotto il par di 36. Alla ripresa sulle prime nove buche del campo, Edoardo ha subito segnato un birdie sul suo score, al par quattro della buca 1. Par alla buca 2 e due birdie consecutivi: al par quattro della buca 3 e al par tre della buca 4. Par alla buca 5. Purtroppo alla buca 6 Edoardo ha dovuto marcare un bogey, un par cinque chiuso in sei colpi. Dovo questo incidente sono seguiti tre par alle buche 7, 8 e 9. Lo score delle seconde nove buche è stato di 34 colpi, due sotto il par. Per il torneo Edoardo ha consegnato la carta con 67 colpi, cinque sotto il par del campo.

Lorenzo Gagli ha cominciato male il suo primo giro al The Barclays Scottish Open dal tee della buca 1: bogey. Ma alla buca 2 Lorenzo ha segnato sullo score eagle, tre colpi al par cinque. Tutti par fino alla fine delle prime nove buche, chiuse in 35 colpi, uno sotto il par. Bene l’inizio delle seconde nove buche, birdie alla buca 10, par alla buca 11 e ancora birdie alla buca 12. Due par alle buche 13 e 14. Birdie al par quattro della buca 15, purtroppo seguito dal bogey al par quattro della buca 16. Par alla buca 17 e un ottimo birdie per chiudere la buca 18. Sulle seconde nove buche Lorenzo ha girato in 33 colpi, tre sotto il par, per un punteggio di giornata di 68, quattro sotto il par. Un punteggio che vale la diciannovesima posizione in classifica.

© Riproduzione riservata