Fiat Chrysler: utile a + 59%

Trimestre da “record” per il gruppo auto, che supera un miliardo di profitti e riduce l’indebitamento, grazie anche al traino della Jeep

Il 2018 si sta dimostrando un anno particolarmente proficuo per Fca. Nel primo trimestre, infatti, la casa automobilistica ha registrato un utile netto in crescita del 59% a oltre 1 miliardo di euro, grazie anche a una riduzione degli oneri finanziari e delle imposte sul reddito. Nella nota con cui ha reso noto il proprio bilancio, è la stessa Fiat Chrysler a parlare di “trimestre record”. Bene anche l’utile netto depurato delle voci straordinarie, che è stato di 1.038 milioni di euro, in aumento del 55% rispetto al 2017 (+78% a cambi omogenei), e le consegne globali, che ammontano a poco oltre gli 1,2 milioni di veicoli, facendo segnare un + 5% rispetto allo scorso anno. Merito soprattutto del traino della Jeep. Infine, buone notizie arrivano dal fronte indebitamento netto industriale, che è risultato di 1,3 miliardi di euro, quindi a – 1,1 miliardi di euro rispetto a fine 2017. Un miglioramento che supera le attese.

Il titolo Fiat Chrysler è in rialzo

L’unico dato negativo è quello che riguarda i ricavi netti, che sono in calo del 2% rispetto allo scorso anno e scendono a quota 27 miliardi di euro. Colpa soprattutto dell’impatto negativo dei cambi di conversione (aumento del 9% a cambi omogenei). Niente però di preoccupante. E, infatti, il titolo Fiat Chrysler è ancora in rialzo.

© Riproduzione riservata