Creatività da bere

Masciarelli Art Project© Barbarossa

Questo articolo è parte di

Arte: investimento e strumento di marketing per le imprese


Il connubio arte & bollicine funziona e ci sono progetti che sfiorano l’eccellenza. Ruinart, la più antica maison francese di champagne, da sempre promuove un legame solido con l’arte contemporanea. Affida ogni anno a importanti artisti contemporanei il compito di reinterpretare in chiave artistica il suo patrimonio.

Invitata a essere l’artista Carte Blanche per l’anno in corso è stata Eva Jospin che ha tratto ispirazione dalla regione della Champagne per creare un paesaggio scultoreo presentato alle più importanti fiere d’arte (a Paris + by Art Basel questo mese e ad Art Basel Miami Beach a dicembre).

Negli anni la maison ha commissionato lavori ai più influenti artisti contemporanei e sta costruendo un’importante collezione. In Italia Zenato ha promosso di recente un premio per la fotografia contemporanea, Frescobaldi un’interessante serie di residenze d’artista nella sua tenuta nel Chianti, mentre l’eccellenza abruzzese Masciarelli Tenute Agricole, ha lanciato in questa stagione la terza edizione del Masciarelli Art Project, affidando all’artista Agostino Iacurci la realizzazione di opere d’arte che rimangono nella tenuta, (oltre a un’etichetta per una limited edition del Villa Gemma Montepulciano d’Abruzzo Doc Riserva 2018).

Un altro classico del made in Italy, il caffè, ben si amalgama con l’arte: se Lavazza da sempre sostiene progetti artistici legati al tema della sostenibilità ambientale (come l’opera del land artist Saype, presentata all’ultima Biennale di Venezia) ed è partner di alcuni dei maggiori musei al mondo, come il Guggenheim, la triestina Illy ha lanciato fin dal 1992 la collezione di tazzine illy Art Collection, riuscendo a trasformare un oggetto di uso quotidiano, ovvero la classica tazza con cui si beve il caffè, in un’opera d’arte inedita, che ha stimolato negli anni oltre 125 artisti tra cui Michelangelo Pistoletto, Anish Kapoor, Yoko Ono, Ai WeiWei. L’ultima edizione è firmata da Judy Chicago, poliedrica artista americana e femminista e sulle tazzine del brand riecheggiano messaggi legati all’emancipazione delle donne.

© Riproduzione riservata